SURTR – Pulvis Et Umbra

Pubblicato il 24/03/2013 da
voto
5.5
  • Band: SURTR
  • Durata: 00:41:07
  • Disponibile dal: 15/03/2013
  • Etichetta:
  • Altsphere Production

Spotify:

Apple Music:

Il trio doom metal francese che si fa chiamare Surtr giunge al secondo full-length album in due anni e si ripiazza senza grossi sensazionalismi o botte di testa sulla stessa esatta bisettrice stilistisca sulla quale li avevamo lasciati all’esordio due anni fa. I Nostri ancora una volta si mostrano autori di un doom metal molto muscoloso e groovy, ma anche classico e manieristico, veneratore dei Cathedral di metà carriera, degli Obsessed, dei Trouble, dei Candlemass, e di tutto quel doom metal fumoso e mezzo hippy si radicato nel metal e nell’occulto, ma con un piede ancora ben piantato nel mondo della psichedelia dello space rock e dello stoner d’annata. A tratti i Nostri ricordano gli Orange Goblin o i Pentagram grazie a dei riffoni obesi e delle voci spiritate dal forte sentore occulto ed esoterico, e in altri momenti riportano alla mente i Sabbath di “Sabotage”, come i Blue Cheer o i Blue Oyster Cult. La vena classic metal della band infatti è sempre molto ben visibile pur sotto il nebbione di fuzz e feedback che i Nostri propongono. Le tastiere che fanno capolino di tanto in tanto, ed inoltre non fanno altro che tinteggiare il tutto di gotico donando alla proposta un taglio ancora più barocco e retrò. Due band che vengono in mente regolarmente durante l’ascolto inoltre sono sia i Dawnbringer che gli Slough Feg, proprio per questo tentativo dei francesi di voler riproporre in chiave moderna e inedita certi fasti heavy del passato della prima ora dell’heavy metal quando ancora questo era indissolubilmente legato al blues al rock psichedelico. I Surtr però, carenti del carisma e della vena artistica inimitabile di Chris Black e di Mike Scalzi (quest’ultimo evocato soprattutto dalle voci nasali e spiritate di Jeff Maurer) non sono riusciti però a creare quel revivalismo avvincente e freschissimo che è stata la fortuna dei Dawnbringer e degli Slough Feg, come dei Ghost, dei The Devil’s Blood o dei Graveyard. Insomma, ai Surtr manca il quid, quella scintilla nel songwriting che fa sembrare l’imitazione spudorata dei mostri sacri del passato un dettagliccio di poco conto e completamente trascurabile di fronte ad una verve compositiva, appunto, assolutamente fuori dalle righe. Nel caso dei francesi dunque siamo di fronte ad un citazionismo esasperato e maldestro che difficilmente riuscirà a mettere la band sotto qualche riflettore di rilevo.

TRACKLIST

  1. Rise Again
  2. Three Winters of War
  3. Sonic Doom
  4. The Call
  5. Rebellion
  6. I Am the Cross
  7. Fred Karno's Army
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.