SYMPHONY X – Iconoclast

Pubblicato il 14/06/2011 da
voto
8.0
  • Band: SYMPHONY X
  • Durata: 01:21:03
  • Disponibile dal: 20/06/2011
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros
Da un po’ di tempo a questa parte i Symphony X se la stanno prendendo comoda con le composizioni: dopo i cinque anni trascorsi da “The Odissey” a “Paradise Lost”, ecco arrivarne altri quattro di silenzio fino al nuovo tassello discografico per la prima volta sotto contratto con la Nuclear Blast al termine del lungo e precedente sodalizio con la Insideout. Nel corso delle ultime pubblicazioni, da “The Odissey” in avanti, avevamo avvertito una sterzata della band statunitense verso sonorità più pesanti, lasciando in secondo piano la comunque presente vena progressive da sempre nelle corde del gruppo, e questa tendenza si conferma più che mai sul nuovo “Iconoclast”, senza mezzi termini il disco più feroce sin qui pubblicato da Michael Romeo e soci. L’ottavo sigillo dei Symphony X è dominato dal riffing rotondo dello stesso Romeo che raggiunge l’apice nel groove devastante di una “Dehumanize” già altamente positiva nelle anticipazioni dal vivo, ma anche dalla splendida prova vocale di un Russel Allen sempre più aggressivo dietro al microfono. La differenza principale di “Iconoclast” con gli ultimi predecessori risiede proprio nelle linee vocali che – salvo rare eccezioni come il futuro classico “The End Of Innocence”, ad esempio – sono indirizzate su strutture più stilizzate, dirette e thrashy con risultati alterni tra l’ottima “Heretic”, la tamarra titletrack e la banale “Bastard Of The Machine”. La sezione ritmica enfatizza il groove delle chitarre con un lavoro mirabile, moderno, quasi meccanico, come a voler richiamare il duello uomo-macchina affrontato nel concept, mentre il buon Michael Pinnella alle tastiere si produce in un lavoro maggiormente sotto traccia, stendendo un soffice tappeto oscuro sulla lucente base metallica. La compattezza di “Iconoclast” renderà felice soprattutto chi della band originaria del New Jersey apprezza il lato più diretto ed heavy metal, ma anche i palati fini potranno godere perlomeno di una grandissima traccia a titolo “When All Is Lost”, dieci minuti in cui la band mostra tutta la propria creatività con l’inizio romantico, l’incedere thrashy, il ritornello epico, lo stacco centrale da sogno ed un Michael Romeo che ci regala anche un cameo di scuola In Flames in uno dei solos. La lunga attesa dunque è stata ripagata con gli interessi in termini qualitativi, ma anche sotto il profilo della quantità: il nuovo “Iconoclast”, infatti, uscirà in edizione speciale con tre pezzi in più che lo stesso Romeo non ha lesinato a definire la vera versione dell’album, tagliata nell’edizione standard per motivi commerciali.

 

TRACKLIST

  1. Iconoclast
  2. The End Of Innocence
  3. Dehumanized
  4. Bastards Of The Machine
  5. Heretic
  6. Children Of A Faceless God
  7. When All Is Lost
  8. Electric Messiah
  9. Prometheus (I Am Alive)
  10. Light Up The Night
  11. The Lords Of Chaos
  12. Reign In Madness
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.