SYNTHPHONIA SUPREMA – Synthphony 001

Pubblicato il 20/04/2006 da
voto
6.5
  • Band: SYNTHPHONIA SUPREMA
  • Durata: 00:50:38
  • Disponibile dal: 13/01/2006
  • Etichetta:
  • Rising Symphony Records
  • Distributore: Self

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Immaginate come potrebbero suonare i Rhapsody spogliati delle loro partiture totalmente orchestrali e barocche e degli accenni folk, privati delle arzigogolate vicende fantasy, ed invece imbastarditi da sonorità semplicemente epiche e maggiormente rozze e proiettati, attraverso l’onnipresente uso dei sintetizzatori (quasi sempre a sfondo sinfonico, però), in un futuro artificiale: eccovi qua i nostrani Synthphonia Suprema! L’intento della band capitanata dal synthmaster Dany All – ripercorrere le gesta di Luca Turilli & Co. – è fin troppo chiaro e gli indizi sono molteplici: innanzitutto, il debutto “Synthphony 001” è il primo capitolo di una trilogia concettuale, esattamente come “Legendary Tales” era l’incipit di una tetralogia; lo stile musicale dei Synthphonia Suprema è piuttosto vicino a quello del combo triestino, non fosse per le differenze d’arrangiamento e di approccio citate in apertura di recensione; le linee vocali e i testi – per la verità un po’ banalotti – ricalcano spesso alcune trovate di Fabio Lione e compagni, così come l’uso di ritornelli pomposi e ridondanti; infine, dopo la creazione del mitico Hollywood metal, abbiamo qui la nascita dell’imberbe synth metal. Il disco vede la collaborazione di Pier Gonnella dei Labyrinth alle chitarre ritmiche e di Frank Andiver in consolle, quindi, sotto un certo punto di vista, si presenta bene ed è molto professionale. I singoli brani non sono affatto malvagi e possono piacere tanto, soprattutto a chi ama la melodia neoclassica usata in modo spropositato, pacchiano e opulento, e a chi ancora non si vergogna di inginocchiarsi e unire i pugni in pieno stile Manowar (ascoltate il brano “Synth Metal” e poi sappiateci dire se, voltandovi, non scorgerete Conan il Barbaro alla vostra finestra!). Qualche perplessità, nel giudizio globale sul gruppo, la fornisce un certo modo di porsi ancora un po’ troppo casereccio e amatoriale, soprattutto a livello di immagine, però non ci stupiremmo affatto se i Synthphonia Suprema dovessero ripresentarsi a breve con un dischetto-bomba! Non si riesce ad intuire quanto di realmente suonato ci sia in “Synthphony 001”, in quanto campionamenti, loop ed effetti vari strabordano ovunque, però ci ripetiamo dicendo che almeno tre-quattro brani trascinano sul serio (“Fileader”, “Synth Metal”, “Black Cat”, “Fatherland”). Le vocals di Matkracker sono discrete, anche se l’inglese maccheronico la fa da padronissimo. La bella copertina di Ken Kelly (Manowar, Kiss) e la cover di “Battle Of The Living Dead” dei Lordian Guard completano un album di discreta fattura, che potrebbe interessare i fan di Rhapsody, Labyrinth e del metal sinfonico in generale. I margini di miglioramento, però, sono molti, soprattutto pensando all’enormità di soluzioni che si possono applicare al concetto di power-synth metal di cui i Synthphonia Suprema si fanno alfieri. Esordio certo più che sufficiente.

TRACKLIST

  1. Fileader 001
  2. Nothing Can Stop Me 001
  3. Synth Metal 001
  4. Uncosmic Justice 001
  5. My War 001
  6. Black Cat 001
  7. Shield Saviour 001
  8. Fatherland 001
  9. Glacier Inside 001
  10. Battle Of The Living Dead
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.