TAD MOROSE – March Of The Obsequious

Pubblicato il 21/09/2022 da
voto
6.5
  • Band: TAD MOROSE
  • Durata: 00:39:44
  • Disponibile dal: 16/09/2022
  • Etichetta:
  • GMR Music

Spotify:

Apple Music:

Decimo full-length ufficiale per gli heavy/power metaller svedesi Tad Morose, la cui carriera si è sempre mantenuta su un livello qualitativo oscillante tra il discreto e il molto buono, con album in studio anche piuttosto coinvolgenti, affiancati da altri decisamente più piatti e poco provvisti di picchi davvero degni di menzione.
In questo caso le battute iniziali sono in linea con le aspettative: una iniziale titletrack e una successiva “Witches Dance” abbastanza allineate, con delle ritmiche piuttosto coerenti l’una con l’altra nel loro incedere medio, nonché dei chitarroni massicci e compressi a risuonare sopra l’intero muro sonoro insieme alla voce squillante di Ronny Hemlin. La tradizione heavy/power di stampo europeo, in particolar modo quella più cadenzata, risulta ben rispettata anche in “Pandemonium”, seppur con una leggera accelerazione generale, facendoci venire in mente nomi di colleghi più o meno illustri come i Rage o i Prima Fear. Il risultato rende quest’ultimo pezzo il migliore di questa prima parte di ascolto, senza ripensamenti.
Da qui in avanti, la tracklist procede in maniera abbastanza classica, dando poche frustate all’andamento grazie ad alcune chicche stilistiche, come ad esempio la forte presenza di tastiere in “Escape”, la cui combinazione tra ritornello ed atmosfera la eleva direttamente sul podio dei migliori estratti del prodotto in questione, similmente ad una “A Trail Of Sins” che, pur osando molto meno sul lato stilistico, propone un main riff e un andamento generale davvero grintosi e fomentanti, il che ci fa sperare per una seconda metà dell’ascolto più efficace, rispetto ad una prima solo gradevole.
“A Quilt Of Shame” è la più breve e nel contempo la più malinconica del pacchetto, e le sue soluzioni si rivelano tutto sommato più efficienti del previsto, anche se purtroppo una più anonima “Legion” raffredda parzialmente il nostro entusiasmo enunciato poc’anzi, ripreso solo in parte negli istanti finali con la conclusiva “This Perfect Storm”.
Come da tradizione, in compagnia dei Tad Morose si possono trascorrere momenti piacevoli, ma già da tempo senza riuscire ad elevarsi oltre una determinata soglia, per via di un senso di piattezza e/o di un’ispirazione spremuta solo in parte che ad ascolto concluso continua a palesarsi, eccezion fatta per due o tre tracce davvero ficcanti.

TRACKLIST

  1. March Of the Obsequious
  2. Witches Dance
  3. Pandemonium
  4. Phantasm
  5. Dying
  6. Escape
  7. A Trail Of Sins
  8. A Quilt Of Shame
  9. Legion
  10. The Perfect Storm
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.