TEL – Lowlife

Pubblicato il 29/03/2019 da
voto
7.0
  • Band: TEL
  • Durata: 00:31:57
  • Disponibile dal: 29/03/2019
  • Etichetta: Aural Music
  • Distributore: Audioglobe

Si viaggia su diversi piani emozionali ascoltando “Lowlife”, opera prima degli americani Tel. Un caleidoscopio che su base prettamente doom/sludge ci strapazza e strattona attraverso tutte le possibili declinazioni che possono far parte del genere. Dagli aspetti più malinconici a quelli più psichedelici, da quelli più funerei a quelli più drogati, passando per momenti in cui sembra di aver messo play ad un qualsiasi disco dei Black Sabbath (assolo alla fine di “Choke”, stiamo parlando con te ma non solo con te!), la versalità dei Tel è davvero di buon auspicio per la carriera di questi figuri di Richmond, Virginia.
Cinque pezzi per trenta minuti di sludge che riprende ora gli Sleep, ora gli Yob, senza lesinare su qualche atmosfera che fa il giro del mondo e va a stuzzicare Paradise Lost e Katatonia, per un disco che si fa ascoltare con molto piacere, forse vagamente ripetitivo in alcuni punti per via di una comunione d’intenti a volte un po’ troppo simile a quella di molte altre band. Tuttavia, sebbene qualche momento sparso per il disco non sia da manuale di originalità, non possiamo che apprezzare un album come “Lowlife”, che i Tel hanno saputo confezionare con una certosina propensione progressive che in qualche modo richiama anche le gesta di alcuni Mastodon e Pallbearer, questi ultimi forse più nelle intenzioni che nei modi. Un’aura fondamentalmente melodica aleggia per tutto l’ascolto, con una sottile linea di tristezza che non abbandona mai e rende “Lowlife” un disco col quale i Nostri mettono un piede nella porta, lasciandola aperta per qualche potenziale gran colpo in futuro.
Insomma, per un gruppo nato solo tre anni fa e con solo un demo e un EP all’attivo, stiamo parlando di un ottimo lavoro, e non c’è dubbio sul fatto che vedremo spesso il nome dei Tel associato agli eventi tipici del genere, speriamo anche in Europa.

TRACKLIST

  1. Ouroboros
  2. Submerged
  3. Red Level
  4. Choke
  5. Strangers
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.