TEMPERANCE – Viridian

Pubblicato il 21/01/2020 da
voto
8.0
  • Band: TEMPERANCE
  • Durata: 00:44:39
  • Disponibile dal: 24/01/2020
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Streaming:

Nuovo full-length per i Temperance, band che, come si ricorderà, con il precedente album “Jupiter And Moons” si era presentata parecchio rinnovata, in modo particolare con l’innesto di due nuovi cantanti, ovvero Michele Guaitoli e Alessia Scolletti. In occasione della recensione di quel disco avevamo evidenziato come vi fossero alcune canzoni molto belle, specialmente nella parte iniziale della tracklist, ma la line-up non appariva ancora perfettamente rodata, anche perchè i nuovi membri erano di fatto arrivati quando tutto il materiale era praticamente ormai pronto per essere registrato. Completamente diverso il discorso per questo nuovo “Viridian”: ormai i membri del gruppo hanno avuto modo di creare un miglior feeling tra i vari musicisti e di lavorare insieme sul nuovo album. Possiamo dire che i risultati sono adesso effettivamente strepitosi. Le canzoni funzionano tutte veramente molto bene e sono un bellissimo concentrato di classe, potenza e melodia, grazie a riff decisi, spunti sinfonici, un sound fresco e moderno, costruito attorno all’autentica energia vocale sprigionata dai due singer, ai quali si aggiunge anche Marco Pastorino: non la ritenevamo sinceramente un’impresa facile, ma obiettivamente i Temperance sono riusciti a far incastrare e assemblare perfettamente le tre voci, sfruttandone al meglio tutte le potenzialità.
La prima parte del disco è composta da brani molto diretti, dotati di refrain cantabilissimi e davvero accattivanti: in particolare, abbiamo trovato l’opener “Mission Impossible” o la titletrack (un classico pezzo power metal) semplicemente irresistibili, ma anche le altre tracce non sono assolutamente da meno. Nella seconda metà della tracklist la band prova a cambiare un po’ registro e a sperimentare soluzioni un po’ differenti: così, ad esempio, “Scent Of Dye” parte delicata con chitarre acustiche e piano, ma poi esplode in un ritornello arioso e trascinante; “Nanook” introduce elementi etnici e cinematografici; “Gaia” è di fatto una ballata, mentre “Catch The Dream” è una sorta di novella “We Will Rock You”, tutta incentrata su cori e battimani.
“Viridian” è dunque davvero un bel disco, mai banale, ben curato sotto tutti gli aspetti, praticamente un must per chi apprezza il metal melodico.

TRACKLIST

  1. Mission Impossible
  2. I Am The Fire
  3. Start Another Round
  4. My Demons Can't Sleep
  5. Viridian
  6. Let It Beat
  7. Scent Of Dye
  8. The Cult Of Mistery
  9. Nanook
  10. Gaia
  11. Catch The Dream
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.