TEN – Illuminati

Pubblicato il 26/11/2018 da
voto
7.5
  • Band: TEN
  • Durata: 00:58:00
  • Disponibile dal: 09/11/2018
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore:

A distanza di poco più di un anno da “Gothica”, i Ten sono già pronti con un nuovo studio album, intitolato “Illuminati”. La line-up è la stessa, ormai consolidata (è il quarto album con questa formazione), nella formula con tre chitarristi, di cui due solisti (Dann Rosingana e Steve Grocott) e uno ritmico (John Halliwell) e un tastierista (Darrel Treece-Birch), oltre alla sezione ritmica, nella quale sono confermati Max Yates (batteria) e Steve McKenna (basso) e, ovviamente, Gary Hughes alla voce. A maggior ragione, dunque, la band prosegue sulla scia degli ultimi lavori, senza significativi stravolgimenti, ma proponendo come sempre un rock raffinato e dalle squisite melodie. C’è ampio spazio per lunghi ed ispirati assoli nelle dieci canzoni che compongono l’album (del resto, con due chitarristi solisti, ci saremmo stupiti del contrario) ma tutto è sempre funzionale ai brani, caratterizzati da arrangiamenti molto ben curati nei minimi dettagli.
Scorrendo la tracklist, ci si accorge come il disco sembri evocare quasi un viaggio tra diverse epoche e situazioni: si spazia dalle battaglie vichinghe della bellissima “Shield Wall” agli stati più introspettivi di “The Esoteric Ocean”, ripercorrendo epoche antiche con le fanfare epiche di “Jericho” e l’emozionante “Rosetta Stone”, per non parlare delle atmosfere esoteriche della titletrack. Insomma, l’album riesce ad essere vario e suggestivo, grazie anche ad un songwriting alquanto ispirato: certo, talvolta, quando si punta troppo sulle melodie, si corre sempre il rischio di incorrere in quella classica sensazione del ‘già sentito’ e questo effetto lo abbiamo avuto in modo particolare con la titletrack e con “Heaven And The Holier Than Thou”, che ci hanno ricordato in effetti alcune altre canzoni in diversi passaggi. Non sempre è così, però, anzi, si può notare come in fondo ai Ten basti a volte una semplice melodia per costruire bellissime canzoni che poi si fa fatica a togliersi dalla testa, come nel caso di “Of Battles Lost And Won”, giusto per fare un esempio. Naturalmente, i Ten sanno anche puntare su brani più carichi di grinta, come nel caso di “Be As You Are Forever” e “Mephistopheles”, dove la band mostra il suo lato più decisamente rock, o come nella brillante “Exile”.
Buon disco, dunque, con una tracklist che scorre gradevolmente, senza cali o riempitivi e che riteniamo non deluderà chi apprezza e segue da tempo la band britannica.

TRACKLIST

  1. Be As You Are Forever
  2. Shield Wall
  3. The Esoteric Ocean
  4. Jericho
  5. Rosetta Stone
  6. Illuminati
  7. Heaven And The Holier-Than-Thou
  8. Exile
  9. Mephistopheles
  10. Of Battles Lost And Won
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.