TENGGER CAVALRY – Ancient Call

Pubblicato il 22/08/2014 da
voto
6.5
  • Band: TENGGER CAVALRY
  • Durata: 00:41:51
  • Disponibile dal: 01/02/2014
  • Etichetta: Metal Hell Records
  • Distributore:

Avevamo già incontrato recentemente la formazione cinese con l’album “The Expedition” ed eravamo rimasti affascinati dalle atmosfere tipicamente orientali che i Tengger Cavalry erano stati in grado di creare. Il nuovo “Ancient Call” non stravolge quanto già fatto in passato dalla band, che continua il suo percorso verso una sorta di metal epico con un tocco di folklore. L’inizio dell’album è infatti tipicamente folk metal, al quale siamo ben abituati, ma nel refrain entra in gioco il morin khuur, il più importante strumento tradizionale della cultura mongola, che può ricordare il violino ma è composto da solo due corde. A questo punto qualcosa cambia: la sensazione è strana perché in primis l’atmosfera creata sembra ricordare i paesaggi scozzesi, ma subito dopo vira su classiche melodie orientali. Diverse sono le parti acustiche che hanno un qualcosa di folk dal pathos orientale. E’ questa, dopotutto, l’arma segreta e vincente dei Tengger Cavalry perché per ora è un qualcosa di assolutamente unico e originale. Già con il precedente “The Expedition” la band aveva stupito positivamente e con questo “Ancient Call” non fa che riconfermare quanto fatto di buono in precedenza. Con le dovute distinzioni, i Tengger Cavalry potrebbero diventare gli Ensiferum dell’Oriente per gli elementi folk/acustici innestati su una base metal non estrema, ma capace di esaltare le atmosfere epiche. La parte finale di “Battle Song From Far Away” potrebbe essere quasi utilizzata come colonna sonora di film! C’è una velata malinconia nelle atmosfere create dai Tengger Cavalry che dona più profondità al mood della release. Il gruppo però dovrebbe migliorare nelle parti più propriamente metal, ancora troppo semplici e banali; d’accordo che queste parti servono solamente da base ritmica su cui costruire le varie atmosfere folk, ma è un peccato non potenziare questo aspetto importante della loro musica e un brano come “Hymn Of The Earth” mette in mostra questa carenza. Sulle parti folk o acustiche, invece, la band non sembra aver bisogno di nulla perché qui l’originalità non manca, come non mancano le soluzioni azzardate quali i singolari vocalizzi sull’inizio più country che folk di “Echo Of The Grassland”. Alcune atmosfere sembrano davvero ispirate da Ennio Morricone, ma in versione orientale. In alcuni brani, come in “Summon The Warrior”, i Tengger Cavalry sono capaci di picchiare e portare il proprio sound su terreni extreme metal. In “Chant Of The Cavalry”, invece, il gruppo sembra aver scoperto le ritmiche spezzettate e pesanti con cui intrecciare la magia creata dal morin khuur: una scelta vincente che bisogna però aver il coraggio di riproporre in modo più convinto. Sino ad oggi, fortunatamente, la band ha scelto di utilizzare sempre lo screaming e non ha ancora optato per i refrain melodici con il cantato pulito. Speriamo che i Tengger Cavalry proseguano su questa strada perché introdurre un cantato pulito magari in mandarino potrebbe avere degli effetti dall’esito incerto. A questo album mancano i brani capaci di far fare alla band il definitivo salto di qualità, la strada verso il successo non è stata ancora trovata, ma non si tratta di una missione impossibile a patto che la vena metal venga rinvigorita e rielaborata.

TRACKLIST

  1. Dance With The Wolf
  2. Galloping Towards The Great Land
  3. Battle Song From Far Away
  4. Hymn Of The Earth
  5. Echo Of The Grassland
  6. Brave
  7. Summon The Warrior
  8. The Battlefront
  9. Chant Of The Cavalry
  10. Legend On Horseback
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.