TERRORIZER – Hordes Of Zombies

Pubblicato il 01/03/2012 da
voto
7.0
  • Band: TERRORIZER
  • Durata: 00:38:07
  • Disponibile dal: 24/02/2012
  • Etichetta:
  • Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Dopo avere pubblicato in tempi remoti lo splendido, pionieristico ed avanguadistico “World Downfall” ed essersi riformati qualche anno fa per rilasciare “Darker Days Ahead”; dopo avere perso per sempre il grande Jesse Pintado ed aver recuperato appieno Pete Sandoval, riecco tornare alla ribalta i Terrorizer, giunti al terzo full length. Introdotto da una copertina orrorifica, con appunto le orde di zombi del titolo intente ad invadere una città, il lavoro è naturalmente legato a doppio filo alle sonorità grindcore e death. Inutile nasconderlo, dopo la reunion, i Terrorizer – pur continuando a sfornare buone canzoni – non sono più riusciti a trovare quel ruolo sulla scena che per portata storica spettava loro. Se l’ascoltatore dovesse infatti prescindere dal nome della band e dai musicisti coinvolti, ciò che rimarrebbe di “Hordes Of Zombies” sarebbe un discreto platter di death-grind come ve ne sono molti in circolazione. Sandoval rimane un terremoto vivente, un vero maestro del blast beat, sebbene il suo drumming risulti qui fin troppo sintetico e triggerato per convincere davvero appieno. I Nostri svolgono un buon lavoro miscelando death metal e (soprattutto) grind, con una prima parte di album più pesante e legata ad un rifferama classico ed una seconda parte dove vengono recuperate istanze hardcore che rendono le strutture più snelle e scattanti. Buono anche il lavoro chitarristico ad opera di Katina Culture, in possesso di una sensibilità differente da quella di Pintado, che non disdegna qualche virata verso lidi maggiormente melodici. I rallentamenti sono veramente rarissimi e quasi sempre accompagnati da un guitar work cupo ed oscuro, come si può evincere da brani quali “Evolving Era”, “Radiation Syndrome” e “State Of Mind”. Alcune tracce colpiscono particolarmente nel segno grazie alla loro classicità ed all’aderenza ai canoni grindcore che i Terrorizer stessi contribuirono a creare: stiamo parlando della terremotante “Flesh To Dust”, di “Broken Mirrors”, “Malevolent Ghosts” e “A Dying Breed”. In definitiva “Hordes Of Zombies” è un lavoro discreto, ben composto e suonato da gente che conosce la materia, al quale manca però quel quid che l’avrebbe reso speciale e che gente del calibro di Sandoval e Dave Vincent dovrebbe assolutamente avere nel proprio DNA.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Hordes Of Zombies
  3. Ignorance And Apathy
  4. Subterfuge
  5. Evolving Era
  6. Radiation Syndrome
  7. Flesh To Dust
  8. Generation Chaos
  9. Broken Mirrors
  10. Prospect Of Oblivion
  11. Malevolent Ghosts
  12. Forward To Annihilation
  13. State Of Mind
  14. A Dying Breed
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.