TESSERACT – One

Pubblicato il 22/03/2011 da
voto
8.0
  • Band: TESSERACT
  • Durata: 00:54:32
  • Disponibile dal: 21/03/2011
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

E’ parecchio atteso il debutto su full-length album dei promettentissimi esponenti della corrente djent Tesseract, quintetto inglese fondato nel 2003 dal chitarrista Acle Kahney e già salito agli onori della cronaca metallica con l’EP “Concealing Fate”, risalente all’anno scorso. I più attenti di voi – ovvero quelli che avranno già sbirciato la tracklist – si saranno resi conto di come l’EP succitato sia stato preso di peso e giustamente inserito anche in questo “One”, lavoro che nel titolo e nell’artwork fa trasparire un minimalismo in realtà lontano dall’approccio musicale del genere a cui si rifanno i Tesseract. Sperimentazione, emozione, groove: questi i dogmi che Kahney e compari vanno declamando in promozione al loro esordio, aspetti che in “One” sono mantenuti costantemente in primo piano e resi indivisibili nel concepimento di un songwriting che tutto sommato non presenta grosse dosi di originalità, ma che trasmette davvero cospicue siringate di pathos e sentimento. Meshuggah, Hacride, maestri del progressive metal, icone del prog-rock Seventies, Deftones, Tool, perfino a tratti Katatonia: la struttura portante dei brani dei Tesseract è girante in giro a questi nomi, carica di poliritmie, controtempi, riff sghimbesci, groove saltellanti e sbalzi d’umore improvvisi; il tutto cementato e reso magico dalla prestazione vocale del nuovo cantante Daniel Tompkins, che passa da cori angelici a screaming vocals ribelli e aggressive con una semplicità disarmante. Senza di lui sulla prua di questa nave, forse non saremmo qui a parlare di capolavoro, in quanto il combo britannico pecca un po’ in prolissità e ripetitività di soluzioni lungo un album impegnativo da ascoltare e captare, ma che, una volta scioltivi nel mood universale che lo avvolge, sarà anche in grado di regalarvi una particolare pace dei sensi. Non citiamo brani singoli: “One” è il classico lavoro che va visto e sentito d’insieme, lasciandoselo fluire addosso come riverbero pulsante e inebriante. E all’improvviso vi troverete a dondolare al ritmo del suo meditante ma dinamico battito. Prevediamo un importante futuro per questa giovane band.

TRACKLIST

  1. Lament
  2. Nascent
  3. Acceptance – Concealing Fate Part One
  4. Deception – Concealing Fate Part Two
  5. The Impossible – Concealing Fate Part Three
  6. Perfection – Concealing Fate Part Four
  7. Epiphany – Concealing Fate Part Five
  8. Origin – Concealing Fate Part Six
  9. Sunrise
  10. April
  11. Eden
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.