TESTAMENT – The Formation Of Damnation

Pubblicato il 02/05/2008 da
voto
8.0
  • Band: TESTAMENT
  • Durata: 00:49:36
  • Disponibile dal: 25/04/2008
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Sono passati ben nove anni dall’ultimo disco in studio pubblicato dai Testament, quel “The Gathering” che a suo tempo si impose come uno degli album migliori dell’anno. In tutto questo lasso di tempo la band ha superato la terribile malattia che ha colpito il cantante Chuck Billy, ora in perfetta salute, ha poi inanellato una serie di raccolte e live più o meno utili e parecchi concerti in giro per il mondo con la formazione classica. Ora le attese dei thrasher di tutto il mondo vengono ripagate da questo nuovo “The Formation Of Damnation”, un disco solido e massiccio che, pur non essendo il capolavoro assoluto della band, strapperà consensi a non finire tra i fan del gruppo americano. La notorietà in Italia di un disco come “The Gathering” è notevole e vi starete chiedendo se la nuova uscita sarà in grado di competere con esso. Ebbene, “The Formation Of Damnation” è un album molto buono che, pur non contenendo una bomba del calibro di “D.N.R.”, nel complesso appare qualitativamente più omogeneo del suo fortunato predecessore e si presenta come un incrocio tra l’aggressività di quest’ultimo, il thrash classico dei primi lavori e la pesantezza di “Low”. Il disco si apre con “For The Glory”, nient’altro che un’intro strumentale che cede a “More Than Meets The Eyes” l’onore di dar fuoco alle polveri. Il pezzo è un’incalzante cavalcata thrash che grazie al suo gran tiro e le sue accelerazioni si preannuncia come un vero e proprio schiacciasassi in sede live. Ciò che da subito colpisce sono i riff assassini della coppia Peterson/Skolnick, e le vocals abrasive del mastodontico cantante, che abbandona quasi completamente l’impostazione puramente death delle uscite di fine anni novanta. Da sottolineare anche la prova del veterano Greg Christian al basso e di Paul Bostaph alla batteria, quest’ultimo appena entrato nella band ma che già ne rapresenta un valore aggiunto. La successiva “The Evil Has Landed” è infatti uno degli episodi dove il batterista fa la differenza, arricchendo questo mid tempo con un drumming vario e tecnico. Azzeccati i cambi di tempo che innescano i ritornelli e la sfuriata che accompagna gli assoli. La titletrack è il brano più cattivo del disco, un assalto frontale con riffoni che a tutto volume buttebbero giù un muro e un Chuck Billy che in questo episodio rispolvera il suo potentissimo growl. La prima metà del disco è un susseguirsi di colpi che vanno perfettamente a segno, tra una “Dangers Of The Faithless” dal refrain molto diretto e una “Persecuted Won’t Forget” da paura che alterna parti strumentali a tutta velocità a pesantissime strofe costruite su un granitico mid tempo e a cambi di tempo dove Bostaph sale autoritariamente in cattedra. Ottimi come sempre gli assoli di chitarra, fatti di tecnica, velocità e melodia, nei quali il tocco sopraffino di Alex Skolnick si fa sentire parecchio. Più lineare e compatta “Henchman Ride”, dove la band spinge sull’acceleratore e confeziona uno dei brani più devastanti del disco, soprattutto nella tiratissima parte centrale (qui si metterebbe a fare headbanging anche Rita Levi Montalcini). “Killing Season”, poco immediata e ritmicamente più articolata, è anche il brano che convince meno per via di linee vocali non proprio ispirate. Con “Afterlife” il livello si rialza anche se è la successiva “F.E.A.R.” ad agguantare il podio con tempi sostenuti e un ritornello orecchiabile in stile Metallica dei bei tempi che farà la sua gran figura dal vivo. Conclusione affidata a “Leave Me Forever”, brano più sperimentale e quasi a sé stante nel contesto dell’album, con parti più soffuse e cupe in contrapposizione alle consuete ritmiche taglienti su cui si staglia il vocione di Chuck. L’artwork è molto bello e i suoni, curati da Andy Sneap, sono eccezionali. Insomma, un ritorno in grande stile per una band che non smette mai di convincere. Di diritto nella top ten di fine anno.

TRACKLIST

  1. For The Glory
  2. More Than Meets The Eyes
  3. The Evil Has Landed
  4. The Formation Of Damnation
  5. Dangers Of The Faithless
  6. The Persecuted Won't Forget
  7. Henchman Ride
  8. Killing Season
  9. Afterlife
  10. F.E.A.R.
  11. Leave Me Forever
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.