THE BODY & BIG|BRAVE – Leaving None But Small Birds

Pubblicato il 13/10/2021 da
voto
7.5
  • Band: BIG BRAVE, THE BODY
  • Durata: 00:38:30
  • Disponibile dal: 01/10/2021
  • Etichetta:
  • Thrill Jockey Records

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

A volte le premesse sono tanto lontane dal risultato finale che ci si ritrova con una sensazione di spaesamento. Straniamento, quasi. E questo è certo il caso di “Leaving None But Small Birds”, album di collaborazione tra due entità che hanno fatto della “pesantezza” la loro bandiera più imponente.
Le due band, in questo album uscito come d’improvviso su Thrill Jockey (come ormai da tradizione The Body), si uniscono per una collaborazione congiunta che, sulla carta, suggerirebbe una fusione complementare tra il marchio del duo sludge/noise più rumoroso e imprevedibile della scena – The Body – e l’ibrido doom metal/drone di BIG|BRAVE. Abbandonando però quelle carte così prevedibili, ci si trova di fronte ad un melting pot lontano anni luce dalle aspettative. Sicuramente complementari, i due monicker si danno ad un folk vecchio stile, da porticato, radura e pagliuzza in bocca. Da oltre 20 anni i due di Portland hanno cercato di sconfinare in territori sempre più inusuali, mantenendo sempre una compattezza e una personalità autentiche, riconoscibili, molto spesso (anche se non sempre) fascinose. I ragazzi di Montreal, dalla loro, hanno portato a maturazione una formula efficace di sludge rock rumoroso e dilatato, orientato ad un lato “sperimentale” sempre più spiccato ma mai sfacciato. Ecco, dunque, probabilmente, riconfigurando le cose, si sentirà in “Hard Times” un barlume di classe per cui vale la pena che la musica pe(n)sante sia all’appannaggio di formazioni (e collaborazioni) come questa. La ripetitività, l’ossessione del pattern psichedelico e ridondante, con la voce della Wattie e i droni di Chip King e Lee Buford, riscoprono l’epopea folk americana di Van Zandt, rumorizzandola a proprio modo. “Once I Had A Sweetheart” ricorda il Tom Waits più bucolico, seppur rappresentato dalla sempre più autoritaria Wattie, sempre meno Jarboe e sempre più se stessa, tanto libera quanto contaminata. “Black Is The Color” è forse l’esempio più rurale che spiega cosa i due nomi hanno cercato di ricreare in questa collaborazione. “Leaving None But Small Birds” è un verso tratto da quella murder ballad di noise, violini, pianoforti e distorsioni che è “Polly Gosford”. “Ha coperto la sua tomba / e si è affrettato a casa / Lasciando solo piccoli uccelli / e il suo destino a lamentarsi“: un’immagine nelle canzoni tradizionali che evoca l’alienazione e l’isolamento dei perseguitati.
Canzoni e inni tradizionali rielaborati da terre come l’Appalachia, il Canada e l’Inghilterra si frappongono ad un flusso coeso, che sembra meraviglioso non aver immaginato prima poter provenire da queste entità. Concepito come una sfida da Buford per emulare lo stile rustico dei dylaniani The Band, l’album proietta sia The Body che i BIG|BRAVE in una luce completamente nuova che dovrebbe comunque risuonare negli appetiti dei fan e renderli di nuovo ringalluzziti dopo la pesantezza e la ripetitività di certe proposte dei rispettivi cataloghi (soprattutto per i The Body!).  Un’esperienza che ci sentiamo di consigliare: un album che distilla l’approccio pionieristico dei due ensemble alla musica pesante in salmi per i dimenticati e trenodie dell’amore perduto.

TRACKLIST

  1. Blackest Crow
  2. Oh Sinner
  3. Hard Times
  4. Once I Had a Sweetheart
  5. Black is the Colour
  6. Polly Gosford
  7. Babes in the Woods
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.