THE DEVIL WEARS PRADA – Plagues

Pubblicato il 12/10/2007 da
voto
6.0
  • Band: THE DEVIL WEARS PRADA
  • Durata: 00:37:44
  • Disponibile dal: /08/2007
  • Etichetta: Ferret Music
  • Distributore: Andromeda

Nei riguardi del debutto “Dear Love: A Beautiful Discord” si poteva chiudere un occhio vista l’età post-adolescenziale dei metalcorer dell’Ohio, ma dal momento in cui dobbiamo analizzare il debutto ufficiale “Plagues” i parametri sono differenti: si gioca tra i grandi con le regole dei grandi. Sin dall’EP il quintetto ha dimostrato una certa abilità tecnica, ma allo stesso tempo ha evidenziato un ampio margine di miglioramento a livello di struttura della canzone, non colmato appieno nel loro primo full length. Tutto fila liscio su tracce come “Goats on a Boat” e “Number Three, Never Forget”, che risultano del tutto convincenti, va ancora meglio su “Don’t Dink and Drance”, dove il tappeto di keyboard si integra alla perfezione ricordandoci i Bleeding Through più tastieristici. E’ nella noia della power ballad “Nickels Is Money Too” e nei pezzi restanti che il gruppo si schianta nella media più incolore, restando pesantemente affetta da una forma acuta della sindrome di Caliban, che colpisce sotto forma di ritornelli melodici poco ispirati, infantili e prevedibili, abbassando il giudizio complessivo di parecchi punti. Di sicuro saranno molto appetibili ai giovanissimi, ma per coloro i quali l’essere cristiani non è un punto a favore o agli ascoltatori che cominciano ad accusare una intossicazione da metalcore, i The Devil Wears Prada potrebbero risultare davvero indigesti.

TRACKLIST

  1. Goats on a Boat
  2. Number Three, Never Forget
  3. HTML Rulez D00d
  4. Hey John, What's Your Name Again?
  5. Don't Dink and Drance
  6. You Can't Spell "Crap" Without "C"
  7. This Song Is Called
  8. Reptar, King of the Ozone
  9. Scorpion Deathlock
  10. Nickels Is Money Too
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.