THE DEVIL WEARS PRADA – The Act

Pubblicato il 22/12/2019 da
voto
6.0
  • Band: THE DEVIL WEARS PRADA
  • Durata: 00:45:12
  • Disponibile dal: 11/10/2019
  • Etichetta: Solid State Records
  • Distributore:

Streaming:

Come uno dei pochi gruppi che sono riusciti a rimanere sempre ad alti livelli in un decennio di metalcore, portiamo il dovuto rispetto ai The Devil Wears Prada, band che ha recentemente deciso di uscire dalla propria zona di comfort ed ampliare il proprio stile in maniera drastica. Quando però da metalcore e merch con mostri variopinti si arriva ad un look total black e l’evoluzione stilistica ricalca quella dei Bring Me The Horizon, gli occhi ci si girano automaticamente all’indietro, con le pupille che si nascondono dietro le palpebre. Certo, è raro essere precursori come la band di Oli Sykes e un’evoluzione come quella di Northlane ed Issues non è alla portata di tutti, ma quel metalcore destrutturato che punta a rock, arrangiamenti ricercati, elettronica e melodie pop è una strada abbastanza banale. Pur ricalcando la parabola degli ultimi album dei BMTH, per i primi tre brani la formula regge davvero bene, dobbiamo ammetterlo: “Switchblade” è cruda, energica e disperata, con synth distorti e melodie davvero azzeccate che fanno da sottofondo ad un’aggressività che colpisce. “Lines In Your Hand” è ottimo e potente pezzo alt rock che sfrutta brevemente e a dovere le voci femminili. “Chemical” è invece un toccante pezzo pop rock dalle immense aspirazioni commerciali, che tocca il tema della depressione con tatto e credibilità. Il resto, condito da velleità post rock (“Wave Of Youth”), slanci sperimentali (“Diamond Lost”) o semplicemente in palese tentativo di ‘replica’ di questi tre brani bel riusciti (“Numb”, “Isn’t It Strange”, “Please Say No”) non è semplicemente all’altezza, soprattutto per la forzata propensione di Hranica al suo nuovo stile teatrale tra spoken word e urla sgraziate, alla lunga davvero fastidioso. Indovinate poi chi ha preso grande spazio a livello di produzione e songwriting? Ovviamente il tastierista Jon Gering, allo stesso modo in cui Jordan Fish ha fatto con una certa band di Sheffield… Forse c’era bisogno di un periodo di tempo maggiore per un salto del genere, forse manca la convinzione di qualche membro del gruppo, forse seguire certi passi non è alla portata della band di Dayton, Ohio. Fatto sta che certi dischi non fanno altro che mettere distanza tra leader della scena ed il resto del mondo.

TRACKLIST

  1. Switchblade
  2. Lines Of Your Hands
  3. Chemical
  4. Wave Of Youth
  5. Please Say No
  6. The Thread
  7. Numb
  8. Isn’t It Strange?
  9. Diamond Lost
  10. As Kids
  11. Even Though
  12. Spiderhead
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.