THE DEVILROCK FOUR – First In Line

Pubblicato il 01/11/2009 da
voto
5.5
  • Band: THE DEVILROCK FOUR
  • Durata: 00:46:25
  • Disponibile dal: 25/10/2009
  • Etichetta:
  • Distributore: Audioglobe

E chi l’avrebbe mai detto che la Tasmania potesse regalarci una rock band? Senza nulla togliere alla lontanissima isola dell’emisfero australe, peraltro splendida terra dove poter trascorrere una vacanza unica e indimenticabile, ma sinceramente tutto ci ricorda fuorché la nostra amata musica estrema; infatti The Devilrock Four provengono proprio dalla Tasmania e, dopo essersi trasferiti nella più “occidentale” Australia, si sono lanciati nel mondo della musica hard rock. Questo “First In Line” è il loro terzo full lenght e in tutta onestà dobbiamo dire che purtroppo la band non riesce nel proprio intento di sfondare in maniera convincente; già i due precedenti album non avevano sicuramente brillato per originalità e freschezza e questa loro ultima fatica mantiene il trend sulla stessa linea. Per intenderci il combo australiano presenta un lavoro le cui sonorità sono molto vicine a band come Motley Crue, Offspring, Velvet Revolver e The Darkness, ovviamente con una qualità decisamente inferiore a quanto proposto dai loro illustri colleghi. Certo i pezzi raccolti sono sicuramente potenti e di facile presa, caratterizzati da riff che senza ombra di dubbio in sede live saranno capaci di infiammare il pubblico presente, ma come spesso accade per lavori di questo tipo purtroppo l’originalità latita e a parte un paio di episodi decisamente sopra la media come “This Is Forever” e “Dress You Down”, per il resto ci troviamo di fronte ad un lavoro abbastanza omogeneo e anonimo. Una nota particolare di merito va sicuramente alla sezione ritmica capace di creare accattivanti giri di basso supportati da un drummer di tutto rispetto come Coghill, ma per il resto la produzione non è sicuramente all’altezza e non fa altro che confermare l’anonimato della release. Un lavoro che non lascerà di certo il segno nemmeno tra i fans del genere, che si segnala solamente per un paio di buoni pezzi: un po’ poco per potersi conquistare i favori del pubblico.

TRACKLIST

  1. Dirty Little Secret
  2. This Is Forever
  3. Dancefloor
  4. Dress You Down
  5. As Real As The Day Is Long
  6. No Friend Of Mine
  7. New Day Coming
  8. Should Have Known
  9. Don't Throw It Away
  10. One Good Reason
  11. Love Is Blind
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.