THE EXPLOITED – Twenty Five Years Of Anarchy And Chaos

Pubblicato il 18/06/2004 da
voto
8.0
  • Band: THE EXPLOITED
  • Durata: 01:10:15
  • Disponibile dal: 01/03/2004
  • Etichetta:
  • Dream Catcher
  • Distributore: Self

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Venticinque anni di gavetta militante, otto album tutti ad alti, indelebili livelli, questi sono i sempreverdi The Exploited, “il” gruppo punk. A differenza delle meteore Sex Pistols e più longevi dei Misfits, i The Exploited sono sopravvissuti a tutto e tutti. Perennemente ispirati dai problemi sociali del nostro tempo, i punker degli Exploited capitanati dall’inossidabile Buchan sono qui per l’ennesima volta a dimostrare tutta la loro rabbia. Questa release è il giusto tributo che la band merita, una delle più estreme di sempre e una delle più coerenti su argomenti di non facile trattazione. Vere bestie nere della regina d’Inghilterra, gli Exploited le regalano il meglio del loro repertorio in questo cd di ben 24 canzoni anarchiche nei suoni, nell’attitudine! Inutile descrivere la musica della band scozzese, puro punk al 100%, dal primo album sino all’ultimo, potentissimo “Fuck The System”, un titolo che lascia trasparire molto bene quanta rabbia scorra ancora nella musica di questa band. Diventati con il passar degli anni ancor più irriverenti e musicalmente pesanti, gli Exploited hanno voluto raggruppare in questo cd autocelebrativo tutti i loro grandi successi, anche se alcuni sono stati forzatamente tralasciati perché non bastano 70 minuti per cogliere tutte le perle disseminate dai sovrani del punk, quello vero, in questo quarto di secolo. Dai primordi vengono tirate fuori le storiche “Army Life”, il manifesto “Punk’s Not Dead”, “Troops Of Tomorrow”. Quelle del “nuovo corso” ci sono praticamente tutte: “The Massacre”, “Fuck Religion”, “Beat The Bastards” e “Fuck The System”. Una scaletta simile in effetti se la possono permettere davvero in pochi: gloria e lunga vita agli Exploited dunque, più in forma che mai per la sfortuna dei benpensanti e per i reali d’Inghilterra, bersagli numero uno nei piani sovversivi della band di Edinburgo. God save the Queen!

TRACKLIST

  1. army life
  2. exploited barmy army
  3. punk's not dead
  4. dogs of war
  5. dead cities
  6. attack
  7. computers don't blunder
  8. troops of tomorrow
  9. let's start a war
  10. rival leaders
  11. death before dishonour
  12. war now
  13. jesus is dead
  14. sick bastard
  15. the massacre
  16. fuck religion
  17. porno slut
  18. beat the bastards
  19. system fucked up
  20. law for the rich
  21. fuck the system
  22. noize annoys
  23. chaos is my life
  24. never sellout
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.