THE MAGPIE SALUTE – High Water II

Pubblicato il 25/11/2019 da
voto
7.0
  • Band: THE MAGPIE SALUTE
  • Durata: 00:48:12
  • Disponibile dal: 16/10/2019
  • Etichetta: Mascot Records
  • Distributore:

E’ trascorso solamente un anno dall’ultimo disco, ma i The Magpie Salute di Rich Robinson (The Black Crowes) non sono certo una band che ama riposare. Non appena terminato il precedente tour, la formazione americana si è messa al lavoro sul nuovo album, il secondo capitolo di “High Water”. Rispetto al precedente lavoro, questa volta i pezzi sono messi più a fuoco ed il classic rock proposto all’ascolto appare più convincente ed energico. “Sooner Or Later” e “Gimme Something” danno inizio all’ascolto in nodo molto baldanzoso, la prima canzone in termini di rock puro, la seconda più vicina ad un sound southern. Il primo singolo estratto è “In Here”, melodica e perfetta per le radio, con una tipica impronta americana che strizza l’occhio alle classiche produzioni anni Settanta. Il range di musica proposto va a toccare anche corde vicine al country con “Lost Boy”, un brano suggestivo e sognante in cui la calda voce di Rich Robinson si esprime su tonalità calde ed avvolgenti. I fidi compagni Sven Pipien e Marc Ford fungono da struttura portante per le ritmiche delle canzoni, il loro retaggio di stampo The Black Crowes si sente eccome, senza però mai scadere nel mero plagio. L’energia scorre a fiumi su “Doesn’t Really Matter”, che all’ascolto ci ricorda gli ultimi The Temperance Movement, ma in versione a stelle e strisce. Il capitolo finale di questo “High Water II” è “Where Is This Place”, una composizione dalla forte matrice blues, ma che non colpisce in modo particolare. Ciò che accomuna questo disco con il suo predecessore è di certo la buona qualità delle composizioni, ma anche la mancanza di potenziali hit, perché nessun capitolo possiede quella forza, quella magia tale da essere ricordato negli anni a venire. Anche la produzione, non eccessivamente elaborata, contribuisce in modo concreto al successo del disco con suoni sì attuali, ma non artificiali da sacrificare il groove della band, le finezze alla chitarra acustica, il piano e tutti gli altri strumenti rendono al massimo.  In ambito classic rock i The Magpie Salute rimangono comunque una garanzia, senza gridare al miracolo questo satellite dei Corvi Neri si conferma capace di offrire grandi soddisfazioni ai fan.

TRACKLIST

  1. Sooner Or Later
  2. Gimme Something
  3. Leave It All Behind
  4. In Here
  5. You And I
  6. Mother Storm
  7. A Mirror
  8. Lost Boy
  9. Turn It Around
  10. Life Is A Landslide
  11. Doesn’t Really Matter
  12. Where Is This Place
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.