THE PLAGUE – Erosion Of Gods

Pubblicato il 22/10/2023 da
voto
7.5
  • Band: THE PLAGUE
  • Durata: 00:32:35
  • Disponibile dal: 28/10/2023
  • Etichetta:
  • Brilliant Emperor Records

Spotify:

Apple Music:

Il death metal made in Sweden ha meritatamente portato alla creazione di fan e seguaci in tutto il mondo: questo fenomeno ha visto di conseguenza la formazione di varie band che hanno preso e fatto propri il sound e lo stile di quegli anni, e tra i vari nomi che si possono fare, troviamo ad esempio i desertici Gatecreeper, sempre più in ascesa nei tempi recenti.
Tuttavia, oggi ci concentriamo sui The Plague, formazione di Sydney, uscita nel 2017 con l’EP “Mass Genocide”, seguito un paio di anni fa dal primo album “Within Death”: Australia e Svezia si trovano agli angoli opposti del globo, ma in questa occasione non potrebbero essere più vicine dal momento che i The Plague propongono uno swedish death in pieno stile Dismember, con l’immancabile marchio di fabbrica HM-2 a firmare il sound di chitarra.
Brilliant Emperor Records prende il quintetto sotto la propria ala e pubblica “Erosion Of Gods” con dieci brani diretti, grezzi e senza fronzoli che mettono ben in chiaro le cose fin da subito. Sia chiaro, non ci stiamo assolutamente discostando dalle precedenti pubblicazioni, ma i The Plague mettono altra carne al fuoco, rimescolando il songwriting e dando la giusta freschezza ad una proposta musicale (quella svedese, appunto) ormai in campo da tre decadi.
A livello di produzione, “Erosion Of Gods” è al passo con i tempi: le sezioni strumentali vengono rese mastodontiche, facendo attenzione ai dettagli e senza perderne in termini di definizione; l’anima dei brani gira tutta attorno al pattern di ritmi midtempo, aperti da sezioni da gas a martello per caricare di adrenalina, senza valicare la soglia dei blast-beat, salvo due eccezioni in “Roadside Burial” e “Incinerated”.
L’esecuzione strumentale non trova punti deboli, soprattutto a livello chitarristico: per quanto non ci siano riff particolarmente rivoluzionari, i pezzi spiccano per vivacità e spuntano lievi melodie ricorrenti, sullo stile di “From The Ashes” dei sopra citati Gatecreeper, soprattutto nei brani “Desolate Wasteland” e “Hacked And Butchered”. Quindi la dinamica e l’insieme di “Erosion Of Gods” funzionano benissimo e non trovano sbandate lungo il percorso, confluendo in un disco solido ed efficace nonostante il fatto che non aggiunga nulla che non sia già stato detto all’interno del genere.
A voler essere puntigliosi e scovare a tutti i costi un aspetto negativo, la prova alle corde vocali non è delle migliori: la timbrica è più vicina a quella dei Black Breath piuttosto che dei mostri sacri del genere, ma fa il suo e funziona senza farci storcere il naso. Tuttavia, una costante in tutte le canzoni sono le urla in scream come tentativo di porre maggior dinamismo alla voce, ma risultano clamorosamente come degli strafalcioni in falsetto alla Dani Filth, che portano solamente a delle risate sarcastiche.
Nonostante quest’ultimo tentennamento, “Erosion Of Gods” segna una buona progressione artistica ed evoluzione nella strada tracciata dai The Plague, restiamo dunque a vedere se usciranno dai propri confini nazionali nel prossimo futuro.

TRACKLIST

  1. Harbringer Of The Abyss
  2. Hacked And Butchered
  3. Living Catatonic
  4. Impulsive Convulsions
  5. Incinerated
  6. Desolate Wasteland
  7. Rotten, Dried, And Mummified
  8. Roadside Burial
  9. Entrenched In Decay
  10. Erosion Of Gods
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.