THE RED COIL – Himalayan Demons

Pubblicato il 24/06/2018 da
voto
7.0
  • Band: THE RED COIL
  • Durata: 00:43:14
  • Disponibile dal: 22/06/2018
  • Etichetta: Argonauta Records
  • Distributore: Goodfellas

Arriva il secondo album e l’approdo su Argonauta Records per i The Red Coil, combo milanese dedito a uno sludge metal dalle forti influenze southern, che ricorda in diversi elementi quanto proposto dai Down, come già sottolineammo in sede di recensione del loro esordio. Il paragone può a ben ragione essere preso come un complimento, al di là dell’indicazione delle coordinate sonore, dato che la sintesi tra riff possenti, ritmiche quadrate e cantato sguaiato che la superband di “NOLA” ha reso perfetta, qui trova in quasi tutte le tracce la via per offrire groove e scapocciate agli ascoltatori. “Withdrawal Syndrome Wall” e “Godforsaken” colpiscono con forza senza schiacciare troppo l’acceleratore in termini di velocità, scegliendo anzi inserti di chitarra degni del più sporco blues della Louisiana, mentre brani come “Oriental Lodge” o “The Shroud” introducono cadenze più acide, soprattutto la seconda allorché una sinistra linea di chitarra e basso sostituisce i canonici midtempo, che tornano trionfanti e pachidermici sugli ultimi due brani originali. Abbiamo tenuto da parte “Opium Smokers Room”, forse il brano più interessante del lotto, grazie alle fumose dilatazioni e all’inserto a base di fuzz e crybaby che impreziosisce la parte finale del brano; due elementi che ben si sposano con l’abrasività della voce di Marco Marinoni, cui va il giusto plauso nostalgico: perché nonostante l’omaggio risulti spesso smaccato, sentire un epigono di Phil Anselmo in piena forma fa sempre piacere. E poi, ancora sugli scudi, la conclusiva “When The Levee Breaks”: la cover che magari non ti aspetti, ma che il quintetto fa sua alla grande (scordatevi quindi l’armonica di Robert Plant), mostrando di aver radici ben più solide della pura e semplice scena groove e sludge figlia delle paludi.

TRACKLIST

  1. Withdrawal Syndrome Wall
  2. Godforsaken
  3. Oriental Lodge
  4. Opium Smokers Room
  5. The Shroud
  6. Moksha
  7. The Eyes Of Kathmandu
  8. When The Levee Breaks
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.