THE RITUAL – Beyond The Fragile Horizon

Pubblicato il 14/11/2011 da
voto
7.0
  • Band: THE RITUAL
  • Durata: 00:41:36
  • Disponibile dal: 14/11/2011
  • Etichetta: Bakerteam Records
  • Distributore: Audioglobe

“Beyond The Fragile Horizon” è il tanto atteso debutto dei nostrani The Ritual; disco che segue a distanza di due anni i due promo che già a loro tempo avevano fatto la propria comparsa sulle pagine del nostro portale. L’ascolto finalmente non più limitato a qualche brano, ma protratto sulla rispettabile lunghezza di una quarantina di minuti, ci permette alfine di fare il punto sulle sonorità abbracciate dalla band nelle proprie composizioni, e ci fa identificare quindi con maggior facilità le tracce di metalcore e di violenza citate da tempo nella loro biografia. Allo stato attuale, dopo la pubblicazione di questo buon debutto, possiamo quindi collocare questa giovane band di Alessandria su territori che stanno a cavallo tra thrash metal e metal melodico; il tutto arricchito da frequenti iniezioni di elementi che vanno appunto dal già citato metal-core (per via di alcune soluzioni sonore più estreme e moderne rispetto al thrash classico) fino alle sonorità care a Trivium (per l’approccio molto potente) e in senso lato anche ai Sonic Syndicate (rintracciabili in alcune melodie, anche se l’approccio vocale è poi completamente differente). In verità, il successo di questo debutto è in larga parte imputabile proprio a questa insolita e vasta gamma di influenze: l’utilizzo di stili e di soluzioni provenienti da realtà diverse arricchisce il suono globale della band e contribuisce a creare un prodotto originale e non derivativo dei nomi citati, e permette alla band di raggiungere una propria definita identità musicale fin dal primo album. Le abilità strumentali dei componenti del gruppo, la versatile voce di Marco Obice e l’ottima produzione effettuata presso i soliti Authoma Studio fanno il resto: il prodotto finale è inaspettatamente maturo e valido, e getta buone basi per il futuro, pur presentando ancora qualche limite. Il disco risulta infatti quasi spezzato in due parti, con i pezzi più coinvolgenti all’inizio e quelli più pesanti posti in chiusura. La parte migliore di “Beyond The Fragile Horizon” la troviamo infatti in apertura: dopo la breve intro omonima, nella quale si trovano addirittura alcuni richiami dei Kamelot accostati a suoni più moderni, ci viene subito servito l’highlight dell’album con l’ottima “Show Me What You Can Do”, canzone molto diretta ma caratterizzata da melodie quasi power che si stampano in testa al primo ascolto. A bissare questo approccio iniziale così ‘catchy’ ci pensa subito la successiva “Jason On The River”, un altro esempio della bravura del gruppo nel fondere le melodie sulle quali Obice sembra trovarsi così a proprio agio con basi ritmiche più terremotanti, sempre inframmezzate da melodici lick di chitarra estratti dal metal più classico. “Hysteria And Madness” ci mostra invece il lato più violento del gruppo, portando sugli scudi la coesione della sezione ritmica De Vito/Negro, e la successiva “Shoot Me” riprende in mano le coordinate iniziali, ma già lo fa in maniera meno riuscita rispetto alle prime due canzoni. Il resto dell’album è invece dedicato principalmente alla componente più dura e thrashy del sound della band: il disco mantiene comunque l’approccio melodico al cantato, ma la mistura dei due elementi (melodia e impatto) è regolata in deciso vantaggio del secondo. “The Liar” e la pesante “Together” risultano infatti subito indicative della decisa propensione verso la robustezza sonora piuttosto che verso l’immediatezza propria delle prime canzoni. L’album termina con una traccia già presente in “Promo 2009”, la mediocre “Nothing Is The Same”; che mette il suggello sopra un debutto dalle buone qualità, che consigliamo non solo agli amanti del thrash o del metal melodico, ma anche a tutti coloro che hanno un certo orecchio per musica pesante suonata in maniera un po’ diversa dal solito.

TRACKLIST

  1. Beyond The Fragile Horizon
  2. Show Me What We Can Do
  3. Jason On The River
  4. Hysteria & Madness
  5. Shoot Me
  6. Without
  7. Together
  8. The Liar
  9. Nothing Is The Same
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.