THE SORROW – Misery – Escape

Pubblicato il 08/11/2012 da
voto
5.5
  • Band: THE SORROW
  • Durata: 00:46:28
  • Disponibile dal: 26/10/2012
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Magari se fossero americani e se fossero riusciti ad esordire cinque/sei anni prima, i The Sorrow oggi sarebbero un nome di spicco della scena metal-core internazionale. Invece, come noto, il quartetto è austriaco e ha dato alle stampe il proprio debut album solamente nel 2007, quando ormai una certa formula sonora era già stata ampiamente sviluppata e codificata dai cosiddetti leader (Killswitch Engage, As I Lay Dying) e da conseguenti legioni di emuli. D’altronde, i Nostri – almeno sino a oggi – non hanno mai confezionato album formalmente scadenti: il loro è sempre stato un metal-core fedele alle regole, ma tutto sommato ben strutturato e orecchiabile, tanto che, di fatto, questo ha permesso loro di diventare un gruppo di sicuro affidamento tra gli appassionati di tali sonorità del circuito europeo. Al quarto full-length, le composizioni dei The Sorrow iniziano però a mostrare vari segni di usura e a rendere sempre più evidente il fatto che i ragazzi probabilmente non riusciranno mai a scrollarsi di dosso l’etichetta di “follower”. Persi per strada un bel po’ di smalto e di ispirazione a livello melodico – quelli che in passato hanno permesso loro di concepire mini hit come “My Immortal Guardian” – il gruppo oggi si ritrova infatti con un lotto di brani piuttosto incolore, in cui i chorus di Mathias “Mätze” Schlegl paiono non esplodere mai e dove il riffing spesse volte non va oltre il più piatto dei ricicli delle ricette chiave di dischi come “Aliver Or Just Breathing”, “The End Of Heartache” o “An Ocean Between Us”. Sono pochi i passaggi che effettivamente riescono a lasciare qualcosa nell’ascoltatore (vedi i chiaroscuri di “Thin Red Line” o l’orecchiabilità di “Perspectives”): il resto è nel complesso banale e “stanco” sia nella sostanza che nell’esecuzione, anche se qua e là si riesce comunque a trovare un plauso per una voce oggettivamente credibile anche nei momenti più puliti (vero, As I Lay Dying?) e per un lavoro di basso deciso. Insomma, anche se forse importerà a pochi, i The Sorrow in carriera ci hanno offerto album migliori di questo “Misery – Escape”: qualche fan se lo farà comunque bastare, ma per quanto ci riguarda l’operato dei ragazzi questa volta è da rimandare su diversi fronti.

TRACKLIST

  1. Retracing Memories
  2. The Escape
  3. Burial Bridge
  4. My Oblivion
  5. A Reason
  6. Buried In The Deep
  7. A Thin Red Line
  8. Perspectives
  9. Lost Chapters
  10. Dead Home
  11. Follow The Lights
3 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.