THE UNGUIDED – Lust and Loathing

Pubblicato il 02/03/2016 da
voto
6.0
  • Band: THE UNGUIDED
  • Durata: 00:39:30
  • Disponibile dal: 26/02/2016
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Archiviata ormai da qualche anno la telenovela familiare con l’uscita di due membri fondatori dai Sonic Syndicate – uno dei rari casi in cui la separazione dei membri non ci consegna due metà la cui somma è inferiore all’insieme di partenza: ma probabilmente è “merito” del limitato valore della proposta primogenita-, tornano i The Unguided con “Lust And Loathing”. Accompagnati sempre dalla Napalm Records, e preceduti dal solito artwork di stampo fantasy, i fratelli Sjunnesson ripartono da dove li avevamo lasciati con il precedente “Fragile Immortality”, ovvero una versione aggiornata dei Sonic Syndicate di “Only Inhuman” (per chi se lo fosse perso, uno dei dischi manifesto del modern ‘plastic’ metal). Oltre alla band madre – peraltro in uscita a breve con il nuovo album: aria di derby in vista? -, i principali termini di paragone sono con gli In Flames di STYE (per la parte più muscolare) e con gli Amaranthe (per quella più zuccherina), ma a livello di freschezza compositiva, nonostante l’energia profusa, siamo lontani da band più in palla come i connazionali Smash Into Pieces. Chi fosse rimasto legato ai primi due lavori della band svedese, probabilmente non mancherà di apprezzare anche le nuove “Enraged” e “King Of Clubs”, ma ascoltando una colata di saccarosio del calibro di “Heartsekeer” onestamente fatichiamo a comprendere i motivi della diaspora familiare all’epoca del controverso “We Rule The Night” (giudicato ‘troppo radiofonico’ dai fuggitivi). Divertente e prevedibile come l’ennesima puntata di una telenovela argentina, e non bastano le atmosfere oniriche poste sul finale della conclusiva “Hate (and Other Trumphs)” per differenziarsi dai cugini (a questo punto più apprezzabili nel restare coerenti al proprio trademark sonoro, anche se recentemente rimasti orfani del loro principale motivo di attrazione).

TRACKLIST

  1. Enraged
  2. The Worst Day (Revisited)
  3. King Of Clubs
  4. Heartseeker
  5. Photobs Grip
  6. Black Eyed Angel
  7. Operation: E.A.E.
  8. Boneyard
  9. Hate (And Other Triumphs)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.