THEATRE OF TRAGEDY – Storm

Pubblicato il 11/04/2006 da
voto
7.0
  • Band: THEATRE OF TRAGEDY
  • Durata: 00:48:16
  • Disponibile dal: /03/2006
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Dopo ben cinque anni, ritornano finalmente i Theatre Of Tragedy, che con questo nuovo "Storm" presentano ufficialmente la sostituta di Liv Kristine, l’altrettanto valida Nell, già frontgirl dei The Crest. Come prevedibile – viste le critiche negative ricevute per album pop-oriented come "Musique" e "Assembly" e, di conseguenza, l’enorme calo di popolarità – il combo norvegese decide con il suo nuovo full-length di tornare parzialmente alle origini, non rinunciando a strutture dirette e a ritmiche quasi ballabili, ma comunque relegando in secondo piano le influenze di Kraftwerk e Depeche Mode e rimettendo al loro posto chitarre e batteria "vera". Quel che ne viene fuori è un lavoro senz’altro ruffiano, però a tratti anche altamente ispirato e accattivante. Sostanzialmente, il nuovo sound dei Theatre Of Tragedy può essere quasi descritto come un ponte tra le sonorità di "Aegis" e quelle del succitato "Musique": la base è un solido riffing rock-metal, ma su di esso si stagliano spesso e volentieri spunti pop e chorus orecchiabilissimi. Lungi da noi dunque definire "Storm" un lavoro essenziale, ma ciò non toglie che il sestetto abbia ancora una volta dato vita ad un disco più che gradevole, in grado di allietare l’ascoltatore per circa cinquanta minuti. Indubbiamente il punto di forza di questa nuova opera è la performance di Nell – non sempre personale, ma davvero efficace per tutto l’arco della tracklist – ma anche il buon Raymond con la sua voce nasale e quasi robotica si fa apprezzare in più punti. Il tessuto musicale, inoltre, pur regalando ben poche sorprese, risulta sempre ben congegnato, mettendo spesso in mostra intrecci chitarra/tastiere di elevata caratura… su tutti quelli contenuti nella iper catchy "Begin & End" e nella notevole ballad "Fade", senza dubbio gli episodi migliori di un disco semplice ma ricco di buoni momenti, che ci mostra dei musicisti nuovamente affiatati esprimersi con efficacia.

TRACKLIST

  1. Storm
  2. Silence
  3. Ashes and Dreams
  4. Voices
  5. Fade
  6. Begin & End
  7. Senseless
  8. Exile
  9. Disintegration
  10. Debris
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.