THERION – Beloved Antichrist

Pubblicato il 06/02/2018 da
voto
9.0
  • Band: THERION
  • Durata: 03:02:50
  • Disponibile dal: 09/02/2018
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

I Therion di Cristofer Johnsson ci hanno fatto assistere nel corso della loro discografia ad una continua evoluzione, che li ha portati dagli esordi death al progressivo inserimento di elementi di musica classica, dando vita ad un metal sinfonico, che ha trovato la sua massima esaltazione in capolavori come “Theli”, “Vovin” o “Deggial”, così come negli altri loro splendidi dischi tra gli anni ’90 e gli anni 2000. La band sembrava però aver cambiato un po’ percorso con “Gothic Kabbalah”, disco nel quale venivano ridotti gli elementi orchestrali ed il ricorso a voci liriche, mentre con il successivo “Sitra Ahra” si andava in parte a riallacciare alle sonorità di “Sirius B” e “Lemuria”. Poco prima della realizzazione di questi ultimi due album, Johnsson aveva cominciato a lavorare alla stesura di una vera e propria opera lirica, accantonando poi il progetto in favore di dischi più tipicamente targati Therion. Andando a ripescare del materiale di quel periodo e aggiungendone evidentemente parecchio altro di nuovo, ecco che ora i Therion compiono un ulteriore passo in avanti, andando a realizzare qualcosa, almeno a nostra memoria, di totalmente inaudito: questa nuova fatica, infatti, intitolata “Beloved Antichrist”, è un triplo CD, per una durata di oltre tre ore di musica, ma in verità diventa alquanto difficile andare a stabilire di cosa si tratti esattamente. L’opera è stata realizzata con una massiccia presenza di elementi sinfonici, esclusivamente con voci liriche, con la partecipazione di ben quindici cantanti, che ricoprono ventinove ruoli. Il punto di partenza su cui si basa la trama dell’opera è rappresentato da un breve racconto del filosofo russo Vladimir S. Soloviev, il quale pubblicò nel 1900 appunto “Una Storia Dell’Anti-Cristo”. Johnsson prende spunto da questo racconto, ampliandolo e sostanzialmente riscrivendolo, inserendo anche tanti altri personaggi, alcuni protagonisti, altri poco più che comparse, per cui ha ritenuto opportuno far ricoprire ad alcuni cantanti più ruoli (sono ad esempio addirittura cinque quelli interpretati sia dalla mezzo soprano Matilda Wahlind, che dal baritono Samuel Jarrick). Risulta chiaro che di fronte ad un lavoro così monumentale, parlare di semplice album appare riduttivo, se non proprio fuorviante: potremmo definirla un’opera metal oppure un musical (come sembra più propenso lo stesso Johnsson), ma ciò porterebbe a considerare altresì un aspetto visivo e coreografico che probabilmente sarà sviluppato quando il lavoro verrà presentato sul palcoscenico, ma che al momento non scaturisce in maniera immediata ed evidente dalla sola parte audio. Ad ogni modo, comunque si voglia considerare “Beloved Antichrist”, dobbiamo riconoscere di trovarci di fronte ad un’opera monumentale, che si articola attraverso trame musicali di alto spessore, elaborate e sviluppate con la maestria che solo un grande autore possiede. Il cast scelto è davvero di alto livello, con cantanti di grande talento quali Thomas Vikström, Chiara Malvestiti, Lori Lewis e Markus Jupiter, giusto per citare alcuni tra i protagonisti, ed anche l’aspetto prettamente musicale è curatissimo in ogni dettaglio. I Therion svelano le proprie carte senza alcuna fretta: l’avvio dell’opera, infatti, a nostro avviso, comincia un po’ in sordina, ma diventa invece entusiasmante soprattutto a partire da un brano come “Morning Has Broken”: da questo momento, infatti, la tracklist snocciola passaggi di inebriante bellezza, passando da episodi magari meno impegnativi come la powereggiante “Anthem” o facendo respirare atmosfere settantiane con “Jewels From Afar” o, ancora, proponendone altri più maestosi ed imponenti ma, in generale, possiamo dire che l’ascolto di due o tre brani non rende minimamente l’idea di quello che è il lavoro nel suo insieme, da considerarsi come un tutt’uno. Un’opera dunque alquanto complessa ma incredibilmente affascinante, che richiede parecchi ascolti per poter essere pienamente apprezzata (d’altronde parliamo di tre ore di musica). Diciamo la verità: qualunque altro gruppo avrebbe pubblicato tre (o più) distinti album, imbastendoci sopra grande promozione e relativi tour. Solo i Therion potevano forse osare di pubblicare il tutto come un’opera unica, che peraltro Johnsson si è sforzato di ridurre tagliando un’altra mezz’oretta di musica che pure era stata composta ma che avrebbe appesantito troppo il tutto. Peccato solo che la band non si sia avvalsa di una vera orchestra, perchè ciò avrebbe portato un ulteriore e significativo valore aggiunto. Al di là di questo (e dell’obbrobriosa copertina), “Beloved Antichrist” è però un lavoro che merita di essere approfondito sotto tutti gli aspetti (testi, musiche e anche a livello interpretativo): in tempi in cui si ascolta musica facendo skip da un brano all’altro, i Therion ci presentano invece un’opera da assaporare e scoprire a poco a poco, con pazienza, destinata a diventare l’ennesima pietra miliare nella loro discografia e non solo, perchè a nostro avviso si tratta di un concept che rompe qualsiasi schema, tanto da poter essere proposto indifferentemente in un teatro o scatenare gli headbanging nelle arene più calorose, perchè rappresenta realmente una delle più compiute espressioni viste sinora di unione tra musica classica e musica metal. Da applausi.

TRACKLIST

  1. Turn For Heaven (CD1)
  2. Where Will You Go? (CD1)
  3. Through Dust Through Rain (CD1)
  4. Signs Are Here (CD1)
  5. Never Again (CD1)
  6. Bring Her Home (CD1)
  7. The Solid Black Beyond (CD1)
  8. The Crowning Of Splendour (CD1)
  9. Morning Has Broken (CD1)
  10. Garden Of Peace (CD1)
  11. Our Destiny (CD1)
  12. Anthem (CD1)
  13. The Palace Ball (CD1)
  14. Jewels From Afar (CD1)
  15. Hail Caesar (CD1)
  16. What Is Wrong? (CD1)
  17. Nothing But My Name (CD1)
  18. The Arrival Of Apollonius (CD2)
  19. Pledging Loyalty (CD2)
  20. Night Reborn (CD2)
  21. Dagger Of God (CD2)
  22. Temple Of New Jerusalem (CD2)
  23. The Lions Roar (CD2)
  24. Bringing The Gospel (CD2)
  25. Laudate Dominum (CD2)
  26. Remaining Silent (CD2)
  27. Behold Antichrist (CD2)
  28. Cursed By The Fallen (CD2)
  29. Resurrection (CD2)
  30. To Where I Weep (CD2)
  31. Astral Sophia (CD2)
  32. Thy Will Be Done (CD2)
  33. Shoot Them Down (CD3)
  34. Beneath The Starry Skies (CD3)
  35. Forgive Me (CD3)
  36. The Wasteland Of My Heart (CD3)
  37. Burning The Palace (CD3)
  38. Prelude To War (CD3)
  39. Day Of Wrath (CD3)
  40. Rise To War (CD3)
  41. Time Has Come/Final Battle (CD3)
  42. My Voyage Carries On (CD3)
  43. Striking Darkness (CD3)
  44. Seeds Of Time (CD3)
  45. To Shine Forever (CD3)
  46. Theme Of Antichrist (CD3)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.