THERION – Sitra Ahra

Pubblicato il 07/10/2010 da
voto
7.0
  • Band: THERION
  • Durata: 01:01:12
  • Disponibile dal: 30/09/2010
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

In ventitré anni di onorata carriera i Therion hanno fatto molta strada. Iniziata la loro storia come death metal band, la formazione capitanata da Christofer Johnsson ha compiuto un profondo cammino di evoluzione che ha completamente rivoltato, sviscerato e mutato il proprio sound, fino a trasformarsi in ciò che è oggi. Difficile trovare una definizione per descrivere precisamente la musica dei Therion del 2010, che si muove suadente nel metal sinfonico, pieno di divagazioni epiche, mistiche, oscure e misteriose. Poco prima di registrare il nuovo disco “Sitra Ahra”, il leader Johnsson ha congedato tutta la band ed ha ricostruito la formazione da zero, assumendo alla voce niente meno che Thomas Vikstrom (Candlemass, Stormwind). La title track e la successiva “Kings Of Edom” danno inizio a questa nuova avventura che ci accompagna in mondi magici, delineati da soavi note di pianoforte, da un cantato lirico sorretto da dolci voci femminili e cori che danno un tocco di magia alle sottili melodie intonate da Vikstrom. Le tematiche occulte ed esoteriche conferiscono un valore aggiunto per chi ama approfondire anche i testi delle canzoni. Con “Unguentum Sabbati” le sonorità si induriscono, ma senza per questo sacrificare la struttura sinfonica del brano. Soltanto “Din”, della durata di nemmeno tre minuti, mostra il lato più estremo dei Therion, quello black/death in cui il buon Thomas dà sfogo alle sue corde vocali in sulfurei growl. Rispetto alle precedenti release, “Sitra Ahra” si pone un gradino sotto a causa di composizioni dalla minor brillantezza. Sia chiaro, la qualità si mantiene su livelli eccellenti, ma mancano quel paio di killer track che hanno reso dischi come “Lemuria” o “Secret Of The Runes” due piccoli gioielli in ambito metal. Va sottolineata ancora una volta la creatività degli svedesi, che ad ogni loro nuovo lavoro riescono a sorprenderci con un’evoluzione artistica che oggi ha ben pochi eguali.

TRACKLIST

  1. Introduction / Sitra Ahra
  2. Kings Of Edom
  3. Unguentum Sabbati
  4. Land Of Canaan
  5. Hellequin
  6. 2012
  7. Cù Chulainn
  8. Kali Yuga I I I
  9. The Shells Are Open
  10. Din
  11. Children Of The Stone: After The Inquisition
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.