THRESHOLD – March Of Progress

Pubblicato il 15/09/2012 da
voto
7.5
  • Band: THRESHOLD
  • Durata: 00:49:19
  • Disponibile dal: 31/08/2012
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Gli inglesi Threshold fanno parte di quelle band di cui, se inattive,  si sente la mancanza. Parliamo infatti di una formazione determinante per la crescita della scena progressive internazionale e che all’attivo può vantare  numerosi dischi di assoluto spessore. In questi cinque lunghi anni di pausa la vita non è stata facile per i Threshold, che hanno dovuto sopportare la scomparsa del cantante ed amico Andrew “Mac” McDermott. Con il rientrato Damian Wilson al microfono, il nuovo “March Of Progress” ha preso vita, confermando l’ottimo stato di salute di una band che, nonostante i lunghi anni di carriera alle spalle, non ha perso lucidità ed ispirazione. La formula vincente non cambia ed il sound dei nuovo brani continua a proporre uno straordinario mix di progressive metal sporcato da influenze più heavy per rendere il tutto più aggressivo e violento. Le tastiere, come da tradizione, ricoprono un ruolo fondamentale all’interno dei brani, che non si perdono in virtuosismi eccessivi, preferendo piuttosto bilanciare tecnica e groove in proporzioni ben dosate.  L’opener “Ashes” si rivela un ottimo punto di congiunzione con quanto fatto sul precedente firmato Threshold, mentre con la successiva “Return Of The Thought Police”, la classe di Karl Groom e compagni esplode in un connubio di melodie capaci di restare impresse in testa senza indebolire l’apparato prettamente metal del brano. Wilson si conferma un cantante di prim’ordine, un vero purosangue che grazie alla sua voce potente ed ispirata dona ai brani un quid unico e personale. Nulla da eccepire sul fronte produzione, dietro al banco di registrazione è stato compiuto un lavoro certosino in grado di valorizzare ogni singolo strumento alla perfezione. “March Of Progress” non mostra punti deboli, soltanto alcuni episodi leggermente meno interessanti impediscono al disco di ottenere la consacrazione assoluta. Ciò che conta è che i Threshold sono tornati in uno splendido stato di salute, segno che i leoni di Surrey possono ancora regalarci grande musica oggi e negli anni a venire.

TRACKLIST

  1. Ashes
  2. Return Of The Thought Police
  3. Staring At The Sun
  4. Liberty Complacency Dependency
  5. Colophon
  6. The Hours
  7. That's Why We Came
  8. Don't Look Down
  9. Coda
  10. The Rubicon
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.