THRONE OF KATARSIS – The Three Transcendental Keys

Pubblicato il 27/11/2013 da
voto
7.0
  • Band: THRONE OF KATARSIS
  • Durata: 00:47:15
  • Disponibile dal: 21/10/2013
  • Etichetta: Candlelight
  • Distributore: Audioglobe

Nella scena black metal norvegese, che inesorabilmente col passare degli anni sta perdendo i gruppi più importanti per strada, ben vengano le ‘nuove’ leve come i Throne Of Katarsis. Il gruppo guidato dal batterista Vardalv e dal tuttofare Infamroth nel corso degli anni non ha fatto altro che migliorare il proprio black metal crudo e old school. Senza dubbio il vertice di questo processo è stato raggiunto con il precedente “Ved Graven”, uscito due anni fa e già Hot Album su queste stesse pagine. Da un gruppo così era dunque lecito aspettarsi quanto meno una conferma, e la conferma è arrivata puntuale. Ormai la band non può più essere ignorata ed il fatto di trovarvi Sanrabb dei Gehenna nella veste di bassista non può far altro che cementare la credibilità di questo gruppo. Il nuovo album consiste in soli tre brani ma si sfiorano i cinquanta minuti di musica! Sul nuovo “The Three Transcendental Keys” i Throne Of Katarsis dimostrano come si possa comporre un brano black metal dalla durata infinita senza per contro diventare noiosi o ripetitivi. E’ interessante notare la struttura di questi tre brani che regalano diverse chiavi di lettura: lo stile della band, se paragonato a quello rozzo e diretto del debutto “An Eternal Dark Horizon”, è cresciuto molto e si è fatto assai più complicato, senza nulla togliere all’immediatezza dell’impatto sonoro. I Throne Of Katarsis negli ultimi anni hanno sviluppato un proprio stile e sono alla costante ricerca di una nuova strada per dar forma ai sentimenti che fanno nascere il black metal, senza per questo discostarsi dalla tradizione ‘true’ che nella mente di questi artisti detta ancora la sua legge. Il minutaggio elevato di ciascun brano non deve far pensare che all’interno vi siano passaggi atmosferici con il compito di smorzare la violenza della release, semplicemente talvolta la band lascia spazio alle sole chitarre che creano un feeling malinconico e rabbioso allo stesso tempo, specialmente nell’ultimo dei tre brani. La song meglio riuscita è più intrigante è senza dubbio “The Second Transcendental Key: Beyond The Spectres”, costruita su un riff davvero particolare che viene lasciato in sospeso con l’ultima nota creando così un effetto davvero strano, quasi ipnotico. La band si dimostra anche stavolta davvero in palla ed ispirata, capace di creare qualcosa di estremo senza che necessariamente le scelte stilistiche siano quelle che tutti già conoscono a memoria.

TRACKLIST

  1. The First Transcendental Key: Of Rituals (And Astral Spells)
  2. The Second Transcendental Key: Beyond The Spectres
  3. The Third Transcendental Key: In Timeless Aspects
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.