THRONEHAMMER – Incantation Rites

Pubblicato il 23/03/2021 da
voto
8.0
  • Band: THRONEHAMMER
  • Durata: 01:15:20
  • Disponibile dal: 04/03/2021
  • Etichetta:
  • Supreme Chaos Records

Spotify:

Apple Music:

Settantacinque minuti di emozioni viscerali, settantacinque minuti di viaggi siderali. Questo è quanto trasmette il qui presente “Incantation Rites”. Dopo aver portato a termine la prima tappa della loro personalissima marcia sonora, i Thronehammer hanno ripreso il cammino, accentuando il passo ma, soprattutto, alzando notevolmente il livello della propria andatura. Merito, in primis, di un importante quanto azzeccato arricchimento delle forze in azione: al terzetto, protagonista del discreto debutto di due anni fa targato “Usurper Of The Oaken Throne”, formato dalla cantante Kat Shevil Gilham, dal chitarrista Stuart ‘Bootsy’ West e da Tim Hammersmith (nelle vesti di bassista e batterista) si sono affiancati Uwe Void e Markus ‘Kid Dynamite’ Stohlein, prendendo in mano la sezione ritmica, lasciando così allo stesso Hammersmith il compito di imbracciare un’altra sei corde. Seconda chitarra che, se da una parte va ad appesantire ulteriormente i passaggi catacombali del primo album, dall’altro li arricchisce con un tasso di elettrizzante malignità.
Un rito incantatorio celebrato dalla voce litanica della Gilham; un incedere roboante che, pur mantenendo le tinte doom degli esordi, trova nelle varianti sludge e negli slanci più epici elementi di sicuro impatto con le prime ad esplodere con maggior aggressività. Ed è proprio questo motore cantilenosamente ammaliante uno dei punti di forza dei Thronehammer: una partenza ipnotica, quasi diabolica (i sette minuti della titletrack ne sono la piena dimostrazione) si allarga come un ventaglio, raccogliendo ornamenti melodici e putridi con la successiva “Thy Blood”, dove arrivano pure dei leggeri rimandi alla “Worlds Within The Margin” degli In Flames di “Whoracle”. Ed è la stessa Gilham a regalarci una prestazione sublime, alternando in modo egregio parti più ruvide ad altre più solenni (“Eternal Thralldom”), creando un’autentica deviazione mentale di emozioni.
Supportati da una produzione migliore rispetto al precedente lavoro, la band anglo-tedesca riesce perfettamente a generare un turbinio d’animo in grado di stuzzicare ogni centro nervoso; ascoltare la trascinante “A Fading King” per cortesia. Detto che “Beneath Black Cloud Masses” ricalca a grandi linee la più convincente opener, “Devouring Kingdoms” si innalza sovrana: una lunga e malinconica desolazione che diventa graffiante proprio sul finale, amplificando l’atmosfera con un sontuoso strascico di riff; altra hit meritevole. Un viaggio metafisico che termina con “Of Of Mountaintops And Glacial Tombs”, più glaciale rispetto ai brani precedenti ma altrettanto impattante. Ottima, davvero ottima questa nuova, seppur in parte, veste dei Thronehammer; appuntatevi per benino questo nome e teneteli d’occhio.

TRACKLIST

  1. Incantation Rites
  2. Thy Blood
  3. Eternal Thralldom
  4. A Fading King
  5. Beneath Black Cloud Masses
  6. Devouring Kingdoms
  7. Of Mountaintops And Glacial Tombs
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.