THUNDER AXE – Roads Of Thunder

Pubblicato il 02/05/2021 da
voto
7.0
  • Band: THUNDER AXE
  • Durata: 00:46:01
  • Disponibile dal: 15/02/2021
  • Etichetta:
  • Underground Symphony
  • Distributore: Audioglobe

Spotify non ancora disponibile

Apple Music:

Attivi da oltre vent’anni ma con un solo disco alle spalle, quel “Grinding The Steel” che nel 2013 permise alla band bergamasca di debuttare, i Thunder Axe ritornano in pista con il nuovo “Roads Of Thunder”, full-length edito dalla storica etichetta tricolore Underground Symphony.
Sono le note di un organo ad aprire in modo solenne la via a “Queen Of Despair”, che subito colpisce con una buona dose di coinvolgimento ed epicità. Il lavoro del leader Steve Zambelli assieme al compagno alle sei corde Andrea Lilliu è davvero lodevole; le loro trame chitarristiche sono le assolute protagoniste dell’opera – sempre ben coadiuvate da una sezione ritmica intensa – le stesse che conducono uno dei brani portanti di questo lavoro, ovvero “Prodigal Son”, pezzo dal forte impatto in grado di convincere fin da subito spinto da un buon ritornello.
I ritmi controllati, avvolti da sonorità epiche ed intime, che contraddistinguono canzoni come “The Kingdom Of Deceit“ e la più articolata “The Last Rhyme We’ll Know”, si alternano alle più spedite e rocciose “The Choice” e “Merciless And Creepy”, pezzi che tirano dritti e a testa bassa con atmosfere cupe e intenti bellicosi. Ma uno dei momenti di maggiore interesse durante l’ascolto arriva con “Vittoria”, brano interamente in italiano e ben interpretato dal cantato passionale e palpitante del singer Francesco Bergami.
L’epicità di Doomsword e Virgin Steele ben si unisce alle influenze più riconducibili alla scena NWOBHM di Saxon e Maiden, ottenendo un disco sicuramente non innovativo ma certamente ispirato e sincero.
Altro che passi in avanti rispetto al debutto, qui la band sembra aver indossato gli stivali delle sette leghe perchè i miglioramenti sono evidenti sotto ogni punto di vista: ed è per questo che ogni amante delle sonorità più classiche che ruotano attorno all’heavy metal non dovrebbe lasciarsi sfuggire questo roboante comeback discografico firmato Thunder Axe!

TRACKLIST

  1. Queen Of Despair
  2. Blood Born
  3. Prodigal Son
  4. The Last Rhyme We’ll Know
  5. The Choice
  6. The Kingdom Of Deceit
  7. All About Me
  8. Vittoria
  9. Merciless And Creepy
  10. For The Lasting Peace Of Ours
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.