THUNDERSTORM – As We Die Alone – Studio Report

Pubblicato il 28/11/2006 da
voto
7.0
  • Band: THUNDERSTORM
  • Durata: 00:14:53
  • Disponibile dal: /11/2006
  • Etichetta: Dragonheart
  • Distributore: Audioglobe

Qualche anno fa poteva sembrare paradossale pensare che un gruppo italiano, senza nessun tipo di campagna pubblicitaria e senza nessuna spinta di qualche grande etichetta, potesse diventare una cult band, soprattutto fuori dai patrii confini. I bergamaschi Thunderstorm, grazie a una pervicacia, a una classe e a un’abilità fuori dal comune ce l’hanno fatta con le proprie forze. L’esordio “Sad Symphony” era già di per sé una perla magnifica ed oscura, pur se ancora troppo dipendente da stilemi cari a Black Sabbath e Candlemass. Il successivo “Witchfinder Tales” appesantiva il suono e richiamava anche degli eroi della NWOBHM quali Angel Witch, mentre con il terzo album, “Faithless Soul”, i nostri raggiungevano la maturità, in virtù di una musica che, lungi dal distaccarsi dal loro trademark, acquistava uno spessore profondissimo grazie a degli inserti vagamente psych e settantiani davvero gustosi. Giungiamo quindi ai giorni nostri, a questi tre brani che sono l’anticipazione dell’atteso nuovo lavoro del trio. Le aspettative, almeno in chi scrive, erano altissime e probabilmente non andranno deluse, visto che due delle tre tracce ascoltate sono a dir poco strepitose! Trattasi nella fattispecie di “Hawking Radiation” e “We Dream As We Die (Alone)”, ennesima dimostrazione di maturità da parte di Fabio “Thunder” e soci. La prima canzone, che supera i sei minuti di durata, è una classica doom song che, a partire da un’intro vagamente sintetica, si sviluppa in un mid tempo guidato dalla chitarra distorta di Fabio, che oramai disegna arabeschi che possono ricordare tutti o nessuna, sintomo questo di grande maturità. Attilio Coldani dietro le pelli è preciso ed efficace, mentre Omar al basso lavora in maniera egregia sia come motore ritmico che come incursore solista in appoggio alla sei corde. Eccellenti le linee melodiche, ma di poco inferiori a quelle crepuscolari di “We Dream As We Die (Alone)”, inquietante discesa all’interno di un’anima tormentata dove appunto le aperture melodiche sconvolgono l’ascoltarore tanto sono efficaci. A questa perla è collegata la terza traccia, “I Wait”, anch’essa un mid tempo che però non colpisce come il resto del lavoro. Che dire, i Thunderstorm sono diventati un tritatutto, dove ogni input musicale viene rielaborata secondo i canoni estetici e decadenti della band. Volutamente non sono stati fatti paragoni o non sono state citate influenze più o meno esplicite: i ragazzi oramai sono adulti ed in grado di diventare essi stessi un importante punto di riferimento nella scena doom europea. Ora aspettiamo impazienti l’album.

TRACKLIST

  1. Hawking Radiation
  2. We Dream As We Die ( Alone )
  3. I Wait
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.