THUNDERSTORM – Nero Enigma

Pubblicato il 06/04/2010 da
voto
7.5
  • Band: THUNDERSTORM
  • Durata: 00:51:00
  • Disponibile dal: 29/03/2010
  • Etichetta: Dragonheart
  • Distributore: Audioglobe

I bergamaschi Thunderstorm all’apparenza sembrano la tipica band che apporta solo dei piccolissimi cambiamenti al proprio sound originario, e invece cambia oggi, cambia domani, finisce che “Nero Enigma”, ultimo lavoro dei ragazzi, abbia ben poco a che spartire con l’esordio “Sad Symphony”! Se ascoltati l’uno dietro l’altro i due album hanno solo sparuti punti di contatto: i nostri, partiti da un classico e maestoso epic doom, hanno mano a mano inserito partiture heavy, prog e hard rock, alle quali vanno aggiunte anche quelle dark gothic del nuovo platter. A fare da collante tra la discografia, quella vena di malinconia che anche qui è presente in dosi massicce. “Nero Enigma” se vogliamo è il lavoro che contiene i brani più pesanti, rocciosi e compatti che la band abbia mai composto, come ad esempio “When April Dies”: dopo un breve inizio di matrice heavy psych, la canzone si tramuta in un mid tempo granitico, con melodie tipiche del terzetto ma con una parte centrale durissima, durante la quale Attilio Coldani non lesina passaggi in doppia cassa. Oppure l’iniziale e splendida title track, con la sua corposità che rimanda al proto-heavy di Black Sabbath e Iron Butterfly, opportunamente vitaminizzati. Altri accenni di crudezza si possono riscontrare in alcune linee vocali di “Ophrys” e nelle spigolosità ritmiche di “The Trial Of Life”, uno dei brani più particolari mai usciti dalla penna di Fabio Thunder, un heavy doom moderno e quasi sperimentale, con linee vocali particolari e un assolo decisamente acido. Solo il finale eccessivamente ridondante frena leggermente gli entusiasmi. “5o25” e “Shallow” sono pregne di novità: la prima vanta un riff anomalo per la band, decisamente settantiano ma vicino a certe tendenze alternative rock, al quale fa seguito un chorus memore dei Type O Negative; la seconda inizia come dark rock ritmicamente importante, poi si evolve in un doom malinconico al quale la band ci ha da tempo abituati. La malinconia però viene a galla in maniera compiuta nel trittico finale composto da “Mechanical Delights”, “Monologue” e “Modus Operandi” (l’outro): qui, tra heavy doom ottantiano, pathos quasi cinematografico e arpeggi crepuscolari, i Thunderstorm continuano la tradizione iniziata dieci anni fa con “Sad Symphony” e proseguita nel corso degli album con perle quali “Glory & Sadness” e “We Die As We Dream (Alone)”. Il lavoro non è di immediata fruizione e la sua bellezza viene compiutamente alla luce solo dopo diversi ascolti. Davvero esemplare il lavoro di Omar Roncalli al basso, addirittura superlativo in alcuni passaggi di “Ophrys” e “The Trial Of Life”; Coldani dietro le pelli offre la consueta performance efficace e precisa mentre Fabio Thunder ci regala le interpretazioni più istrioniche della sua carriera, sia a livello vocale che chitarristico, dove stavolta dà il meglio di sé nell’innalzamento di riffoni enormi e grassi che contrastano con la pulizia delle parti soliste e della produzione in generale. Detto che il lavoro segue un concept legato agli omicidi e che la copertina poteva oggettivamente essere migliore, non ci rimane che complimentarci ancora una volta con la band, sia per il loro decimo compleanno, sia per l’ennesimo ottimo lavoro in una discografia che inizia a farsi decisamente importante.

TRACKLIST

  1. Nero Enigma ( The Beginning )
  2. When April Dies
  3. Ophrys
  4. 5o25
  5. Shallow
  6. The Trial of Life
  7. Mechanical Delights
  8. Monologue
  9. Modus Operandi
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.