TIAMAT – Wildhoney

Pubblicato il 25/10/2007 da
voto
9.5
  • Band: TIAMAT
  • Durata: 01:20:00
  • Disponibile dal: 01/08/2007
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

La Century Media ha deciso di ristampare i grandi lavori del passato, quegli stessi che contribuirono, e non poco, a fare della Century Media una delle più grandi label europee. L’etichetta tedesca deve congratularsi con il suo intuito infallibile di talent scout dei primi anni ’90 e dei capolavori pubblicati quasi contemporaneamente da gruppi come Moonspell, Samael, Tiamat. La ristampa di “Wildhoney” è a dir poco lussuosa, aiutata dal già stupendo artwork originario, con l’aggiunta dell’EP “Gaia”, di un intero concerto tenuto dalla band svedese a casa propria nel 1994 e ben 3 videoclip come bonus. Per questo motivo la ristampa è meritevole di attenzione e un obbligo per chi è arrivato tardi, colpa dell’anagrafe, o chi si era lasciato colpevolmente scappare uno degli album più belli che l’universo metal sia riuscito a portare nel firmamento. Ma, vista l’occasione, è doveroso parlare ancora di questo capolavoro: nel ’94 i Tiamat erano già una delle migliori rivelazioni death metal, grazie all’inserimento delle tastiere che rendeva il loro death metal sognante ma non per questo poco estremo. Dopo tre album, di cui due capolavori come “The Astral Spleep” ed il mastodontico ed irragiungibile “Clouds”, Edlund e Hagel le due menti di questo super gruppo svedese hanno deciso di spingersi oltre. “Wildhoney” è un album ancora death metal per certi versi, ma c’è tanta psichedelia, accenni ai Pink Floyd, per fortuna straripanti solo nella non esaltante “A Pocket Size Sun”, unico non monumento dell’intera release. Ad entrare più facilmente nel mondo dei sogni e delle sensazioni ci pensano brevi ma elaborate introduzioni tra un brano e l’altro. Mentre l’opener “Whatever That Hurts” fa da ponte tra il precedente “Clouds” ed il nuovo corso della band, “The Ar” dimostra tutta la classe della band, mentre “Gaia” e la ninna nanna “Do You Dream Of Me” esaltano le qualità di un gruppo che è andato oltre alla dimensione terrena del death metal, elevandolo e trasformandolo in qualcosa di etereo. “The Visionaire” è l’emblema di quanto i Tiamat riescano attraverso le loro visionarie teorie sulla musica ad ergersi a dimensione unica e per tutti irragiungibile. Peccato con ci sia stato modo di continuare su questi livelli perché con l’album successivo i ‘veri’ Tiamat si sono perduti in una dimensione confusa. Un gruppo che ha saputo far sognare. “Wildhoney”, album eterno.

TRACKLIST

  1. Wildhoney
  2. Whatever That Hurts
  3. The Ar
  4. 25th Floor
  5. Gaia
  6. Visionaire
  7. Kaleidoscope
  8. Do You Dream of Me?
  9. Planets
  10. A Pocket Size Sun
  11. Gaia (video edit)
  12. The Ar (redio edit)
  13. when you're in (pink floyd cover version)
  14. whatever that hurts (video edit)
  15. the ar (ind mix)
  16. visionaire (remixed long form version)
  17. whatever that hurts
  18. the ar
  19. in a dream
  20. 25th floor
  21. gaia
  22. visionaire
  23. kaleidoscope
  24. do you dream of me?
  25. the sleeping beauty
  26. a pocket size sun
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.