TIDES FROM NEBULA – From Voodoo To Zen

Pubblicato il 10/10/2019 da
voto
7.0
  • Band: TIDES FROM NEBULA
  • Durata: 43:40
  • Disponibile dal: 20/09/2019
  • Etichetta: Long Branch Records
  • Distributore: Audioglobe

L’era del post-rock sembra non esaurirsi per nulla. Di nuovo sulle scene con il quinto album ecco rispuntare, dopo tre anni dall’ultimo “Safeheaven”, il nome dei polacchi Tides From Nebula, noto per chi bazzica i territori à la God Is An Astronaut, Maybeshewill et similia e cerca sempre di arraffarsi quel canonico concentrato di epiche e magniloquenti canzoni atmosferiche. Quelle che, in buona sostanza, sono figlie dirette dei Mogwai.
Ancora una volta, infatti, la formula rimane invariata e il trio (ora concentratosi nelle mani di Maciej Karbowski, Przemek Węgłowski e Tomasz Stołowski) sembra voler canonizzare ulteriormente il proprio status. “The New Delta” infatti presenta la formazione di Varsavia ai suoi massimi storici, ancora più elettronici di quanto detto in passato e sempre più vicini ad una formula 65 Days Of Static, tendente a delle partiture più intricate e, seppur non propriamente progressive, capaci di esulare dal mero crescendo tipico del genere. La canzone sembra essere del tutto esemplificativa di quello che i polacchi intendono affermare con questo ottimo disco post-rock: un genere che probabilmente non necessita, per la maggior parte dei suoi fan, che di un unica via canonizzata e ormai pienamente rodata. Le atmosfere riescono ad emergere dai suoni perfetti e da una abilità compositiva che, seppur non mira a nessun grado di sperimentalità o eccezionalità, riesce a risultare decisamente efficace. Anche con la successiva “Dopamine” (presentata l’anno scorso come celebrativa del decennale della band) le carte sembrano essere le medesime, seppur con questa consueta accezione ben riuscita. Non c’era forse da meravigliarsi: in sede live i ragazzi di Varsavia hanno sempre colpito nel segno in efficacia e risultato finale e questo album sembra sancirne ulteriormente  la validità di progetto. La maturità della band sembra essere ormai orientata verso questi canoni e la celebrazione della decennale attività e dedizione al verbo fondante del post-rock non poteva che avvenire in una perfetta rappresentazione come questa. Oggi che l’arte videoludica occupa un posto di rilievo nella cultura dei ragazzi sembra che questo tipo di colonna sonora sia la perfetta sintesi di quello che le atmosfere delle grandi saghe di Playstation e Xbox intendono far arrivare al giocatore (e “No Man’s Sky” non era stato l’unico soggetto di rilievo a presentare la contaminazione di post-rock e esplorazione avventurosa in supporto dei videogiochi). Certo è che una spinta di questo tipo favorisce una ulteriore funzionalità al brano: un obiettivo, un fine, un messaggio di forza. Sentire la prima “Ghost Horses” o la successiva “Nothing To Fear And Nothing To Doubt” (dagli emblematici titoli, tra l’altro) è percepire un’epos che è più figlio delle console che della sala prove. Una musica che è più vicina allo scontro con un boss e all’esplorazione open world che ad una passeggiata in un bosco o in una notte a guardare l’infinito del mare. E forse è anche un bene che sia così, nonostante il titolo sembri indicare un altro percorso.
Se cercate del post-rock nuovo, sperimentale ed innovativo, probabilmente passate oltre. Se quello che interessa è vedere come lo standard di genere continui a risultare pianamente convincente ed efficace allora i Tides From Nebula e il loro quinto lavoro riusciranno a colpire ancora una volta nel segno.

TRACKLIST

  1. Ghost Horses
  2. The New Delta
  3. Dopamine
  4. Radionoize
  5. From Voodoo to Zen
  6. Nothing to Fear and Nothing to Doubt
  7. Eve White, Eve Black, Jane
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.