TOMBS – Winter Hours

Pubblicato il 17/02/2009 da
voto
8.0
  • Band: TOMBS
  • Durata: 00:40:24
  • Disponibile dal: 16/02/2009
  • Etichetta: Relapse Records
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

Il cosiddetto post hardcore/sludge è una faccenda strana. È un misto in delicato equilibrio di qualità che fanno presto a diventare clichè. Poi capita che qualcuno sposti in avanti le regole, dettandone di nuove. Perché in fondo di regole si tratta. Più o meno implicite. I newyorkesi Tombs le regole le conoscono bene. Anzi, benissimo. La loro musica è immersa per buona parte nelle sonorità di quello stile creato tempo fa dai Neurosis e poi sviluppato dai vari Isis, Breach e compagnia allucinata, eppure sarebbe decisamente ingeneroso bollarli come semplici epigoni. Perché se è vero che maneggiano con molta padronanza meccanismi oliatissimi (“The Divide” e i suoi cori sono un vero e proprio tributo agli autori di “The Eye Of Every Storm”), la capacità dei Tombs di rimescolare le carte e, a quel punto, di creare qualcosa di nuovo dagli incastri che derivano, è davvero notevole. La band, infatti, si ispira palesemente anche a formazioni come Xasthur, Alcest e Leviathan, ovvero a realtà di estrazione black metal che negli ultimi tempi si sono segnalati nella loro scena di appartenenza grazie ad audaci esperimenti su basi shoegaze e post rock. Il terzetto riesce a ritagliare ampio spazio per tali contaminazioni in quasi ogni traccia di “Winter Hours”, confezionando spesso degli ibridi quasi perfetti fra tutte queste sonorità, che si materializzano in tracce cangianti, spesso dall’incedere sostenuto – con tanto di blastbeat – e dalle atmosfere sinistre. A tutto ciò, aggiungete una capacità di sintesi non comune per il genere: il gruppo di certo non è immediato, ma sa sfornare vere e proprie canzoni. Tracce poco dispersive, di senso compiuto, che si inchiodano nella testa e lì restano finché non decidono loro di andarsene (“Gossamer”, “The Great Silence”, “Seven Stars The Angel Of Death”…). A quel punto non resta molto altro da fare: si alza bandiera bianca e si preme di nuovo il tasto ‘Play’ dello stereo.

TRACKLIST

  1. Gossamer
  2. Golden Eyes
  3. Beneath The Toxic Jungle
  4. The Great Silence
  5. Story Of A Room
  6. The Divide
  7. Merrimack
  8. Filled With Secrets
  9. Seven Stars The Angel Of Death
  10. Old Dominion
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.