TOTAL FUCKING DESTRUCTION – Hater

Pubblicato il 07/03/2011 da
voto
7.0

Spotify:

Apple Music:

Fermiamoci un attimo ad analizzare gli elementi immediatamente visibili di questo putrido album, per avere subito una idea di che razza di abominio abbiamo tra le mani. La band si chiama Total Fucking Destruction, il titolo dell’album è "Hater", e in copertina figurano degli "allegri" missili atomici, per lo più sorridenti, che stanno per piombare a terra scatenando un fottuto olocausto nucleare. I primi dubbi sembrano essere immediatamente fugati: questo è un disco che già da questi pochi dettagli non promette niente di buono. Seconda informazione disponibile: i Total Fucking Destruction sono il side project "cazzone" di Richard Hoak, batterista dei Brutal Truth. Ragion per cui anche il secondo arcano sembra essere svelato: questo è un album grind, probabilmente anche molto incazzato. Terza ed ultima investigazione: mettiamo l’album nel lettore. Ogni dubbio sparisce. Non solo questo è un album grind incazzato, ma è un album grind incazzato come una mandria di bufali fuori controllo! In questa band Hoak e compagni non hanno veramente alcun freno. La musica è strafottente e inviperita all’inverosimile, una vera pestilenza. La velocità raggiunta in certi frangenti sfiora il ridicolo, e il carico di aggressività e violenza messo in campo a volte sembra letteralmente insopportabile. L’intero lavoro sembra una festa deviata organizzata da un branco di balordi che hanno deciso di raggiungere il punto più basso della propria umanità, così, per divertimento. Le ventisette tracce del disco – durata media sessanta secondi – sono assolutamente letali e si susseguono a ripetizione come i colpi sparati da una migliatrice, in sequenza, una bastonata sui denti dopo l’altra. Nonostante l’attitudine goliardica e cazzona, il sound e il mood generale del disco sono in realtà tutt’altro che scontati, anzi, sono al contrario avvincenti e dannatamente freschi perché questa manica di pazzi ha deciso di impostare il proprio assalto grind sul southern rock e il rock and roll da strip-club più becero, creando un mix altamente infiammabile e maledettamente stronzo. In certi frangenti sembra seriamente di asoltare una schifosa fusione tra lo sleaze festaiolo e balordo dei Nashville Pussy e il demoniaco assalto sonico degli Anaal Nathrakh. Oppure immaginate gli Zeke e i Nasum che se la spassano insieme in studio a scolare ettolitri di birra, e avrete una vaga idea di ciò che abbiamo tra le mani. Letale e divertentissimo. Le ritmiche forsennate, i riff spaccaossa, le voci da barricata e gli assoli fulminanti fritti in una crosta di southern rock luridissmo sono una vera goduria, e l’intero lavoro assicura divertimento puro e una severa punizione per i timpani. I Total Fucking Destruction vi porteranno a bere in qualche biker bar lungo l’autostrada, vi rideranno in faccia e poi, quando sarete ormai sbronzi e felici, vi sferreranno un gran calcio nelle palle. Questo album è così: cazzone, cinico e bastardo. Grandi.

TRACKLIST

  1. Weaponization Of The Mega-Self
  2. Crypto Apoptosis
  3. Hate Mongering Pig Pandemonium
  4. Everything You Need But Nothing You Want
  5. 7 Billion Imaginary Deaths
  6. It's Only Attitude
  7. Murdernumber
  8. I Not Pose
  9. If 9 Became 6
  10. Repeat Repeatedly
  11. Dudehammer
  12. Thrashadelphia
  13. Green Fire
  14. Time Theft
  15. Nekropunk
  16. The Sunrise Is A Lie
  17. Meat Without Feet
  18. Attack Of The Supervirus 2049
  19. Attack Of The Supervirus 4863
  20. Attack Of The Supervirus 33 A.D.
  21. Greenbleeder
  22. Tony Hung Himself
  23. Lovegrinder
  24. Battle Command In Future War
  25. A Cold And Lonely Place
  26. Farewell Kiss
  27. Human Is The Bastard
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.