TOXIC HOLOCAUST – From The Ashes Of Nuclear Destruction

Pubblicato il 15/04/2013 da
voto
7.0
  • Band: TOXIC HOLOCAUST
  • Durata: 00:57:50
  • Disponibile dal: 31/03/2013
  • Etichetta: Relapse Records
  • Distributore: Audioglobe

Attivi dal 1999, i Toxic Holocaust hanno solo quattro LP sul mercato ma se contiamo tutte le release, split, live, singoli e quant’altro, il numero cresce parecchio. Ecco quindi l’occasione (speculazione?) colta dalla Relapse Records di pubblicare questa compilation che raccoglie b-side, tracce comparse su split, e anche qualche hit dagli album di lungo formato. Ovviamente, non essendo le tracce rimasterizzate, i suoni variano da canzone a canzone. E quindi, con le tracce poste in ordine cronologico, si ripercorre  nella quasi ora di musica a firma Toxic Holocaust ogni minima evoluzione stilistica del gruppo, che ha sì sempre suonato thrash metal, ma è passato dallo stile  vecchia scuola delle prime release al crossover degli ultimi anni, inglobando schemi cari al punk, al black e al death metal. Il tutto, ovviamente, a loro modo, e cioè quello duro. Abbiamo scritto evoluzione minima perché di quello si tratta, e lo si può provare ascoltando la prima traccia di questa compilation, la granitica “Metal Attack”, e, subito dopo, l’ultima, “Altar-ed State”. Similissime ma dai suoni diversi e con quasi dieci anni di differenza. Lungo la scaletta troviamo quindi composizioni-sfuriata come come le monolitiche “Deathmaster” e “Death Camp” , intransigenti stilisticamente (il tempo di batteria è praticamente uno solo, quello della percussione, dall’inizio alla fine del brano) miscelate alle tracce più recenti, quelle dove il suono è diventato più pulito, egualmente roccioso, ma dove il loro stile si è evoluto con le contaminazioni su citate. Parliamo della straordinaria “Nuke The Cross” (da “An Overdose Of Death…” del 2008) ma soprattutto della fantastica “Bitch” (scelta anche come colonna sonora di una scena molto forte sull’acclamata serie Tv americana Sons Of Anarchy), estratta dall’ultimo CD “Conjure And Command”, edito nel 2011 e dove il gruppo ha anche recuperato il logo degli esordi, più cattivo stilisticamente. E poi una super groovy “Suicide Eye”, estratta dall EP “Gravelord” del 2009 che qui è testimone anche con la rapidissima “666”. Sul CD trovate inoltre le note del leader del gruppo Joel Grind, ma, a parte questo, unitamente alle classiche foto di scena,  troverete sono del thrash metal declinato in varie salse a seconda del periodo, ma sempre all’insegna dell’intransigenza sonora.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Metal Attack
  3. Deathmaster
  4. Created to Kill
  5. Ready to Fight
  6. Arise from the Cemetery
  7. Thrashing Death
  8. Send Them to Hell
  9. Army of One
  10. Never Stop the Massacre
  11. Death Camp
  12. Reaper's Grave
  13. Death Brings Death
  14. In the Name of Science
  15. Nuke the Cross
  16. Suicide Eye
  17. 666
  18. Bitch
  19. Agony of the Damned
  20. A.T.O.M.I.C.
  21. We Bring 'Em Hell
  22. Altar-ed States
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.