TRAGODIA – Before The Fall

Pubblicato il 18/12/2018 da
voto
7.0
  • Band: TRAGODIA
  • Durata: 00:42:37
  • Disponibile dal: 23/11/2018
  • Etichetta: Revalve Records
  • Distributore:

Continua il percorso del combo bresciano verso sonorità sì arcigne ma in grado di giocare con svariati sfondi melodici ed atmosferici. Sentiero già intrapreso con il precedente “Mythmaker”. Elegante ma deciso, potente ed evocativo, questo “Before The Fall” si presenta come un’opera di quello che ad oggi viene definito modern metal, ossia una miscela di influenze artistiche che non riconosce una fonte univoca d’ispirazione. Generalizzando, riconosciamo la compattezza e la potenza del metal a stelle strisce farcita dalla melodiosità tipica del sound del vecchio continente. Mix che dona delle cadenze ritmiche che, senza mai premere troppo sull’acceleratore, si rivelano particolarmente azzeccate per la musica dei Tragodia. L’album si regge su un lavoro di chitarra ricco e variegato, senza sfociare mai in situazioni ridondanti o sopra le righe nei confronti del brano, in grado di tessere degli intrecci melodici che legano perfettamente le liriche e le linee vocali di Luca Meloni – autore d’una prova ineccepibile dietro al microfono – rivelandosi decisamente appagante e coinvolgente. Aggiungiamoci la rocciosità del background ritmico strumentale ed otteniamo delle composizioni in grado di colpire nel segno con eleganza e decisione, seppur permeate da malinconia a volte appena accennata come in “Master Of The Loss”, altresì più marcata come nella titletrack “Before The Fall”. Nella tracklist c’è anche spazio per un brano dal tiro discotecaro come “Adrift”, che per quanto si ponga all’orecchio con estrema facilità si rivela il momento più debole del disco. Posizionato a metà della scaletta quantomeno varia un po’ il ritmo dell’ascolto. Tutto sommato pregevole, ma che, come rapisce in fretta, per il suo drittissimo cassa-rullante, tanto velocemente stanca. Se farà breccia nei vostri padiglioni auricolari aggiungete pure mezzo punto al voto. Le capacità dei lombardi si apprezzano però in canzoni notevoli come “Star-Driven”, caratterizzata da un tiro trascinante ed una linea melodica incalzante, od in “The Forgery”. Quest’ultimo, che racchiude tutte le potenzialità della band unendo la voce ruvida, al limite del growl, con le qualità sopra citate emerge come valore aggiunto all’opera. Se i tre dischi precedenti, presi come indizi, fanno una prova, il quarto fornisce una certezza. Questa band sa sempre quello che vuole trasmettere col proprio lavoro e ci riesce sempre in maniera egregia.

TRACKLIST

  1. The Untrodden Road
  2. Master Of The Loss
  3. Veils Of Grey
  4. The Fifth Season
  5. Adrift
  6. Of Dark Suns And Dying Stars
  7. Before The Fall
  8. Star-Driven
  9. The Forgery
  10. The House By The Grove
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.