TRASTORNED – Into the Void

Pubblicato il 24/01/2023 da
voto
6.5
  • Band: TRASTORNED
  • Durata: 00:29:26
  • Disponibile dal: 27/01/2023
  • Etichetta:
  • Dying Victims Productions

Spotify:

Apple Music:

I Trastorned sono un altro esempio del fermento di cui oggigiorno gode la magnifica scena metal cilena, una realtà oramai sempre meno sotterranea e che sforna nuove band e progetti a getto continuo. Il quartetto originario di Santiago, in verità, non è però esattamente di primo pelo: formatosi nel 2009, il gruppo ha subito rilasciato un paio di demo per poi perdere sempre più spinta, fino a impantanarsi in un silenzio che sostanzialmente è durato sino a un paio di anni fa, quando un paio di singoli hanno preannunciato un ritorno più risoluto e vigoroso. “Into the Void” è dunque il primo full-length confezionato da questi thrasher, un lavoro che, se paragonato a quello di formazioni connazionali come Ripper o Suppression, si rivela meno tecnicamente avanzato e più legato a un concetto di thrash metal di stampo prettamente anni Ottanta. Certo, come è ormai d’obbligo nel panorama cileno, il basso tende spesso a mostrare una certa intraprendenza, così come nei vari episodi non sono del tutto rare alcune derive più aggressive in stile primi Sadus, ciononostante la potenza e l’intensità che questi ragazzi riescono a mettere in campo appaiono soprattutto in linea con i grandi classici del genere, con un occhio di riguardo per il filone californiano. Non si rintracciano dunque quelle influenze death metal o techno-death su cui molti altri gruppi thrash cileni vanno spesso a parare: i Trastorned si affidano a una espressività più verace e primordiale, con un impianto che alterna partiture mosh e qualche contorsione più avvincente che sembra strizzare l’occhio e chiamare in causa Forbidden, Vio-lence e veterani simili. Musica insomma soprattutto istintiva, dove foga e impellenza la fanno da padrone, in cui il pathos emotivo lievita progressivamente con l’ingresso in scena della ruvida voce di Felipe Lonza.
La sensazione generale è che il quartetto stia andando alla ricerca di una sintesi tra la forza del thrash più tradizionale e quell’oscurità sincopata da tempo abbracciata da alcune band connazionali al momento più in vista: il risultato è un album che – complice anche una durata contenuta – senz’altro si lascia ascoltare volentieri, ma che sembra privo di una vera personalità trainante. Restando grosso modo in questo campo, il recente debut album dei ‘nostri’ Miscreance, senza inventare chissà cosa, è riuscito a esprimere una verve e un songwriting più ragguardevoli e apprezzabili sulla lunga distanza. Vedremo comunque se “Into the Void” finirà per rappresentare un primo passo in una carriera in crescendo per questa realtà sudamericana: dopo tutto, il Cile ci sta abituando a grandi sorprese e una svolta verso lidi più avvincenti potrebbe essere dietro l’angolo anche per i Trastorned.

TRACKLIST

  1. Witch Hunt
  2. Metal Violence
  3. Black Fire
  4. Miasma of Death
  5. Into the Void
  6. Dreadful Fate (Interlude)
  7. Insanity
  8. Reborn Through Hate
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.