TRIUMVIR FOUL – Triumvir Foul

Pubblicato il 12/01/2016 da
voto
7.0
  • Band: TRIUMVIR FOUL
  • Durata: 00:41:46
  • Disponibile dal: 11/12/2015
  • Etichetta:
  • Blood Harvest

Spotify:

Apple Music:

Il fascino del death metal ha sedotto persino gli Ash Borer… o almeno due di loro. I Triumvir Foul sono infatti un progetto nato per volontà della sezione ritmica del noto gruppo “cascadian” black metal statunitense. Pubblicato un demo lo scorso anno, i Nostri danno ora alle stampe il primo full-length con l’appoggio della piccola etichetta locale Vrasubatlat e con quello della più potente Blood Harvest, la quale si occuperà di stampare il lavoro in formato CD e LP (quest’ultimo in arrivo a febbraio). Ci troviamo davanti ad un gruppo che parte da soluzioni tutto sommato tradizionali, con chiari riferimenti a primi Entombed e Autopsy a livello di riff, ma che è incline a mascherare questo “conservatorismo” dietro ad una produzione molto sporca e ad una foga nell’esecuzione che rimanda a realtà più bestiali come Teitanblood o Antediluvian. Il criptico intro dell’opener “Labyrinthine – The Blood Serpent Unwinds” e l’atmosfera luciferina che ne consegue potrebbero in effetti portare ad accostare subito i ragazzi di Portland ai suddetti mostri underground, ma, con il passare dei brani, si fa largo l’idea che buona parte delle fonti di ispirazione dei Triumvir Foul rientri ancora nella cosiddetta vecchia scuola del genere; mettendo da parte un suono di basso marcissimo e uno screaming irragionevole, si può infatti notare come i riff portanti di pezzi come “Pathways to Decay” e “Hedonistic Prayer – The Abhorrent Depths of Perversion” siano chiaramente modellati sulle immortali formule di un “Left Hand Path” o di un “Mental Funeral”. Ciò tuttavia non è certo un male a priori: lungi da noi affermare che la band non sappia dove mettere le mani per comporre un buon brano death metal. Nel complesso, il disco si lascia ascoltare con piacere: si sente un’ispirazione degna di questo nome alla base del lavoro di chitarra e i cambi di tempo appaiono ordinati e ben studiati. Inoltre, questo mix di elementi tradizionali/accessibili e rivestimento “necro” risulta, a conti fatti, a suo modo peculiare. Accogliamo dunque con favore questa nuova formazione: “Triumvir Foul” è un debut album niente male e si spera che, partendo da qui, gli statunitensi possano maturare ulteriormente.

TRACKLIST

  1. Labyrinthine - The Blood Serpent Unwinds
  2. Profanation (of the Wicked)
  3. Pathways to Decay
  4. Hedonistic Prayrer - the Abhorrent Depths of Perversion
  5. The Vomit of the Three Serpents ((Ušumgallu, Bašmu, Mušma??u)
  6. Endless Spiritual Violence
  7. Banished to Silence and Slavery
  8. Carnal Spectre
  9. Tower of Bašmu - The Corruption of Flesh and Spirit
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.