TRIVIUM – In Waves

Pubblicato il 25/08/2011 da
voto
7.0
  • Band: TRIVIUM
  • Durata: 00:58:35
  • Disponibile dal: 30/08/2011
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

I Trivium sono cresciuti al centro di un turbine di negatività che avrebbe potuto schiacciare i personaggi più navigati della scena. E’ dalla firma con Roadrunner Records che i ragazzi di Orlando continuano a lottare, con l’oppressione di chi deve sempre dimostrare qualcosa, o espiare chissà quale colpa. Il loro quinto album in studio è però l’ennesima dimostrazione del loro talento, da sempre tumultuoso e in continua evoluzione, è vero, ma ancora estremamente giovane, visto che tutti i componenti del gruppo sono ben lontani dai trenta. Proprio quando sembra tutto inquadrato al meglio, pubblicato con “Shogun” il capitolo migliore della discografia, come da costante storica i Trivium mischiano di nuovo le carte in tavola, mantenendo le caratteristiche basilari del proprio suono ma tentando stavolta la strada della perfezione radiofonica (come da sempre fanno i colleghi Bullet For My Valentine), levigando moltissimo la forma e puntando in maniera evidente sul ritornello, incredibilmente semplificato, memorizzabile, ripetuto fino alla nausea. E’ il caso del primo singolo “In Waves”, di “Black”, di “Dusk Dismantled”. C’è una digressione verso la formula metalcore che li ha stigmatizzati agli esordi, ma il gruppo di Heafy si prende anche questo rischio in maniera spavalda, andando a calibrare perfettamente accessibilità e aggressività neo-thrash. La totale devozione alla forma e all’eccelsa levigatura di ogni singolo minuto dell’album costituiscono il suo limite maggiore per la totalità dei detrattori, siamo certi, ma anche per coloro che avevano apprezzato la furia e il piglio progressivo di “Shogun”. Sarebbe bastata qualche mossa coraggiosa, come l’uso di linee vocali insolite nell’ottima “Inception of the End”, per rendere “In Waves” meno vulnerabile alle critiche usuali. Concentrandosi al massimo su un suono ineccepibile e su brani scintillanti, ficcanti e suonati in maniera egregia, i Trivium paradossalmente perdono l’identità conquistata, andando a rincorrere troppi obiettivi simultaneamente. Chi lo bolla come inconsistente sbaglia di grosso, ed è solo accecato dalla modernissima produzione.

TRACKLIST

  1. Capsizing the Sea
  2. In Waves
  3. Inception of the End
  4. Watch the World Burn
  5. Dusk Dismantled
  6. Black
  7. Built to Fall
  8. Caustic Are the Ties that Bind
  9. A Skyline's Severance
  10. Forsake Not the Dream
  11. Of All These Yesterdays
  12. Chaos Reigns
  13. Leaving This World Behind
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.