TURILLI / LIONE RHAPSODY – Zero Gravity (Rebirth And Evolution)

Pubblicato il 02/07/2019 da
voto
7.5
  • Band: TURILLI / LIONE RHAPSODY
  • Durata: 00:53:45
  • Disponibile dal: 05/07/2019
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

“Rebirth and Evolution”, rinascita ed evoluzione. Fin dalla prima listening session in anteprima, Luca Turilli e Fabio Lione hanno insistito molto su queste parole, considerate fondanti e irrinunciabili per la nascita di questo nuovo progetto musicale. Anche noi vogliamo soffermarci proprio su questi due concetti per provare a dare la nostra chiave di lettura a “Zero Gravity”.
Partiamo quindi dalla rinascita, evocata anche dall’immagine dell’Araba Fenice del primo singolo, “Phoenix Rising”, che prima muore, bruciando tra le sue stesse fiamme, per poi tornare in vita: la rinascita di Turilli e Lione parte da quello che doveva essere un tour di addio, l’ultimo saluto al mondo del metal da parte di due persone che hanno dato tanto alla scena italiana e non. Dal successo del “Farewell Tour”, i due musicisti hanno ritrovato il piacere di suonare e comporre insieme, qualcuno dirà per opportunità, magari, ma è innegabile come Turilli e Lione siano una di quelle coppie artistiche capaci di completarsi a vicenda, trovando la giusta intesa.
L’evoluzione, invece, necessita di qualche parola in più, a seconda del punto di vista che scegliamo di prendere. È evidente come l’approccio di Turilli e Lione sia profondamente diverso da quello messo in atto da Alex Staropoli: laddove il tastierista sceglie di rafforzare le caratteristiche classiche dei Rhapsody (la narrazione di una saga, il fantasy, il sound classico, perfino Sir Cristopher Lee); Turilli e Lione cercano la rottura con il passato, rincorrono ideali più vicini al prog metal, anche con il rischio di sbagliare. L’ascoltatore, però, non si aspetti una proposta completamente innovativa, perché comunque “Zero Gravity” contiene moltissimi punti di contatto con lo stile di scrittura che il chitarrista ha già ampiamente esplorato con i suoi Luca Turilli’s Rhapsody. Largo quindi alle orchestrazioni cinematografiche, alle atmosfere tra il thriller e la fantascienza, i testi a carattere filosofico e l’uso di suoni digitali e sintetici, più moderni rispetto alle pure orchestrazioni classiche dei Rhapsody. Sotto questo aspetto, l’album non rappresenta una rottura con il passato, bensì la naturale evoluzione del songwriting di Luca, che semplicemente si evolve così come si evolve una persona con il passare del tempo e l’esperienza della propria vita.
Avendo già parlato dettagliatamente di tutte le canzoni, non andremo nuovamente ad analizzare le singole composizioni, limitandoci ad un paio di considerazioni di carattere generale. In primo luogo, la nostra sensazione è che “Zero Gravity” funzioni al meglio proprio quando sfoggia il suo approccio progressive, come nel caso di “I Am” o in “Arcanum (Da Vinci’s Enigma)”. È chiaro che, di fronte a delle partiture spesso molto stratificate e complesse, non tutto fila sempre liscio e l’album, a nostro parere, non è impeccabile. Ad esempio, la volontà di inserire moltissimi elementi, con continue sollecitazioni sensoriali, rischia in diversi passaggi di prendere il sopravvento: restando in tema cinematografico, succede quello che capita in quei mega-blockbuster, in cui lo spettacolo degli effetti speciali è talmente soverchiante da soffocare la trama e la narrazione, lasciando lo spettatore un po’ spaesato. Al tempo stesso, però, fa piacere vedere al lavoro una formazione che non cerca di blandire il proprio pubblico con una formula ripetitiva, ma si assume la responsabilità della propria linea di pensiero, anche a costo di attirarsi contro qualche critica. Una cosa è certa, a dispetto dell’infinita querelle sul nome: i Rhapsody Of Fire e i Turilli/Lione Rhapsody sono due band profondamente diverse, capaci entrambe di incontrare il favore del proprio pubblico e, perché no, di condividere anche la stessa fanbase puntando ciascuno sulle proprie peculiarità.

TRACKLIST

  1. Phoenix Rising
  2. D.N.A. (Demon And Angel)
  3. Zero Gravity
  4. Fast Radio Burst
  5. Decoding The Multiverse
  6. Origins
  7. Multidimensional
  8. Amata Immortale
  9. I Am
  10. Arcanum (Da Vinci’s Enigma)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.