U.F.O. – You Are Here

Pubblicato il 26/03/2004 da
voto
7.0
  • Band: U.F.O.
  • Durata: 00:53:00
  • Disponibile dal: 26/03/2004
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Il rock è peggio di una malattia, basti guardare come degli allegri vecchietti come Mick Jagger o più modestamente il “nostro” Phil Mogg, da oltre trent’anni sulle scene, non si stanchino mai di sfornare dischi e calcare i palchi di tutto il mondo . A circa due anni dal valido “Sharks” gli UFO deliziano le nostre orecchie con un’altra gemma di puro hard rock rispondente al nome di “You Are Here”. L’ennesimo scioccante sodalizio con Michael Schenker, che inizialmente sembrava dovesse resistere all’eterna diatriba di amore/odio nei confronti di Mogg, è alla fine durato giusto il tempo di un album (“Sharks” appunto), ed alla chitarra è approdato così lo storico guitar hero Vinnie Moore. Le sorprese non sono finite, perché dietro le pelli troviamo il potentissimo Jason Bonham (sì, proprio il figlio del “bonzo” dei Led Zeppelin), con una formazione del genere i requisiti per sfornare un album di classe ci sono tutti. Ed infatti “You Are Here”, pur risultando meno dirompente delle ultime release targate UFO, contiene composizioni sopraffine dove insieme all’hard rock di matrice tipicamente britannica riscontriamo soluzioni molto vicine al blues più passionale, con addirittura una serie di richiami agli immensi Led Zeppelin (sarà la presenza di Jason?) su pezzi come “Sympathy”, tanto per citare un esempio. Moore non riesce a bissare le strabilianti soluzioni di Schenker, ma diamogli il merito ai aver composto ed eseguito riffs ed assoli precisi e dal discreto gusto, mentre parlare della sezione ritmica sarebbe davvero inutile: la coppia Bonham/Way non mostra alcuna incertezza, soprattutto le pelli possiedono un groove “british” che si amalgama alla perfezione con la macchina UFO. Fama, soldi a palate e fasti sono ormai un ricordo, “Phenomenon” e “Force It” rimangono sempre irraggiungibili, ma “You Are Here” non mancherà di entusiasmare un’altra volta ancora dopo 34 anni di onorata carriera i vecchi rockers!

TRACKLIST

  1. Daylight goes to town
  2. Black cold coffee
  3. The wild one
  4. Give it up
  5. Call me
  6. Slipping away
  7. The spark that is us
  8. Sympathy
  9. Mr.freeze
  10. Jelloman
  11. Baby blue
  12. Swallow
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.