UNBIRTH – Fleshforged Columns of Deceit

Pubblicato il 14/08/2018 da
voto
7.5
  • Band: UNBIRTH
  • Durata: 00:46:51
  • Disponibile dal: 25/06/2018
  • Etichetta: New Standard Elite
  • Distributore:

Per quanto possa sembrare strano, rifacendosi del tutto a stilemi musicali del nuovo millennio, un disco come “Fleshforged Columns of Deceit” rischia di suonare anacronistico alle orecchie di certi ascoltatori, fuori tempo massimo una volta rapportato a quella che è l’odierna offerta death metal. D’altronde, rispetto a dieci/quindici anni fa, le varie Unique Leader e Willowtip hanno perso buona parte del loro appeal sulle ‘masse’, non riuscendo più a replicare i successi ottenuti con le prime opere di Decrepit Birth, Disavowed e Severed Savior, mentre il cosiddetto filone ‘brutal’ è stato a poco a poco soppiantato dal revival swedish e dall’esplosione del verbo Incantation, fenomeni dimostratisi capaci di sollevare un autentico polverone a livello underground. Se è vero però che questi non sono tempi indicati per un simile concentrato di tecnica e frenesia, è altrettanto vero che la seconda prova sulla lunga distanza degli Unbirth ha tutte le carte in regola per diventare un ‘must have’ tra gli aficionados del vecchio catalogo della label di Erik Lindmark, sapendone replicare fedelmente la carica prorompente e lo spirito distruttivo. Un suono, quello della formazione emiliana, articolato in una miriade di spasmi e contrazioni, break e stop’n’go al cardiopalma, nell’ottica di un songwriting che non sembra temere affatto il processo di accumulo. Come già dimostrato in occasione del notevole “Deracinated Celestial Oligarchy” (2013), Emanuele Ottani e compagni si muovono con il fare di chi è a casa propria nelle lande del US death metal più arzigogolato, progressivo e soffocante, riuscendo nel difficile compito di imbastire una tracklist che – al netto delle succitate caratteristiche – suona sempre fluida e contagiosa. Occorreranno inevitabilmente tempo e pazienza per assimilare la mole di soluzioni espresse (vi sfidiamo a tenere conto del numero di riff e cambi di tempo per brano!), ma la ricompensa una volta scardinato il terrificante muro di suono del quintetto non potrà che mandare in visibilio chi dorme ancora con una copia di “…and Time Begins” o “Perceptive Deception” sotto il cuscino. Altra valida aggiunta al catalogo estremo della nostra penisola.

TRACKLIST

  1. Tumults of Collective Anguishes
  2. Immaculate Consumption
  3. Fleshforged Columns of Deceit
  4. Compulsory Painsplurge
  5. Incitements from a Neglected Deity
  6. Cruciferous Ordeal
  7. Abiuration Untold
  8. Imperative Murderous
  9. Observations Procreauthanasia
  10. Unapologetic Mass Hindrances
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.