UNDEATH – Lesions Of A Different Kind

Pubblicato il 18/10/2020 da
voto
7.5
  • Band: UNDEATH
  • Durata: 00:35:32
  • Disponibile dal: 23/10/2020
  • Etichetta: Prosthetic Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Quello degli Undeath, al primo lavoro sulla lunga distanza dopo un paio di demo molto apprezzati nel circuito underground, è un death metal old school ma non troppo, il cui temperamento rifugge buona parte dei riferimenti e dei termini di paragone oggi maggiormente in voga in questo campo. Su “Lesions of a Different Kind” la solita matrice dei primi anni Novanta è senz’altro presente, ma rimane sullo sfondo: il gruppo di Rochester, nello stato di New York, preferisce infatti avvicinarsi ad una proposta leggermente più moderna o comunque meno prevedibile, vicina per eclettismo e rapidità ai Cannibal Corpse di “Kill” e delle opere successive, perlomeno in quei brani in cui il riffing di chitarra si fa più vorticoso e le ritmiche più serrate. Tra le peculiarità degli Undeath vi è in effetti la propensione per uno sviluppo compositivo articolato anche all’interno di episodi dalla durata inferiore ai tre minuti: la band opta sovente per un lavoro di chitarra piuttosto ingegnoso, spesso in grado di porsi a metà strada fra groove e avvitamenti capaci di ispirare curiosità su ciò che avverrà dopo. Nonostante sia ragionevole mettere il terzetto nello stesso filone di Tomb Mold o Hyperdontia, si percepisce insomma uno sforzo concreto per non rifarsi a formule troppo abusate e per differenziarsi nella moltitudine di giovani realtà intente a riscoprire e omaggiare sempre i soliti grandi nomi. Indubbiamente, gli incipit di “Acidic Twilight Visions” e “Lord of the Grave” tradiscono la venerazione che i ragazzi nutrono nei riguardi dei Morbid Angel, ma nel suo insieme il disco vive di vita propria, con brani che possiedono spesso strutture oblique e un’elettricità costante e abrasiva. “Lesions…”, in sostanza, si fa notare perché mette in luce una natura tradizionalista e una più cerebrale, facendo egregio uso di entrambe in una tracklist tutt’altro che prolissa, che sa farsi presto apprezzare per la sua scansione precisa e senza sbavature. Un esordio meno scontato di tanti altri ascoltati negli ultimi tempi, insomma, che ci presenta una band che sta cercando di ritagliarsi una nicchia tutta sua in un panorama ormai vastissimo e spesso tendente alla banalità.

TRACKLIST

  1. Suitably Hacked to Gore
  2. Shackles of Sanity
  3. Lesions of a Different Kind
  4. Entranced by the Pendulum
  5. Acidic Twilight Visions
  6. Lord of the Grave
  7. Kicked in the Protruding Guts
  8. Phantasmal Festering
  9. Chained to a Reeking Rotted Body
  10. Archfiend Coercion Methods
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.