UNEARTH – The Stings Of Conscience

Pubblicato il 17/03/2005 da
voto
7.0
  • Band: UNEARTH
  • Durata: 00:40:27
  • Disponibile dal: 21/03/2005
  • Etichetta: Alveran Records
  • Distributore: Self

Tempo di ristampe in casa Alveran: dopo “Antagonist” dei Maroon tocca oggi a “The Stings Of Conscience”, il debut album degli Unearth, band oggi accasata presso la Metal Blade e recentemente autrice dell’apprezzatissimo “The Oncoming Storm”. Pubblicato in origine nel 2001, “The Stings Of Conscience”, è, ad avviso del sottoscritto, ancora oggi il miglior lavoro del quintetto metalcore statunitense. Il vocalist Trevor Phipps era sicuramente meno esperto rispetto a oggi e la produzione è meno curata ma queste composizioni, se paragonate a quelle nuove, hanno infatti il pregio di essere più violente e divertenti, di essere forti di breakdown spaventosamente pesanti e sempre ispirati e di essere dotate di influenze swedish meno imbarazzanti o comunque meglio inserite. Nel complesso il disco suona molto più personale e genuino di “The Oncoming Storm”, non assistiamo a plagi nei confronti dei Killswitch Engage, degli In Flames o addirittura degli Iron Maiden (tra l’altro fatti con circa dieci anni di ritardo rispetto a duemila altri gruppi metal europei!)… il tutto, per farla breve, è generalmente assai meno frivolo e plasticoso! Se perciò non conoscete la vecchia produzione degli Unearth fate vostra questa ristampa: un lavoro tanto valido merita di essere riscoperto, soprattutto se la recente moda yankee di scopiazzare in toto quanto fatto dalla scena svedese non vi entusiasma per niente.

TRACKLIST

  1. My Heart Bleeds No Longer
  2. One Step Away
  3. Fuel The Fire
  4. Only The People
  5. Stings Of Conscience
  6. My Desire
  7. Vanishment
  8. Shattered By The Sun
  9. Monition
  10. Stronghold
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.