UNFATHOMABLE RUINATION – Enraged & Unbound

Pubblicato il 12/12/2019 da
voto
7.5
  • Band: UNFATHOMABLE RUINATION
  • Durata: 00:43:24
  • Disponibile dal: 17/11/2019
  • Etichetta: Willowtip Records
  • Distributore:

Streaming:

Con un artwork che sembra a tutti gli effetti l’evoluzione degenere di quello di “The Bleeding”, la terza fatica sulla lunga distanza degli Unfathomable Ruination non fa nulla per nascondere le sue influenze e la sua natura di album ‘di genere’. Come già avvenuto in occasione dell’esordio “Misshapen Congenital Entropy” (2012) e, soprattutto, del notevole “Finitude” (2016), i cinque ragazzi londinesi incanalano in questi solchi un concentrato di ‘brutal’ death metal dall’impatto stordente e dal quoziente tecnico elevatissimo, impegnandosi il più possibile per pagare pegno ai cosiddetti maestri (Suffocation e Cryptopsy da un lato, Origin, Defeated Sanity e buona parte del vecchio catalogo Unique Leader dall’altro) senza precludersi ulteriori modalità espressive.
Accortezze minime, a ben vedere, ma che sommate alla capacità di imprimere un forte dinamismo alle composizioni danno vita ad una tracklist mutevole e vorace, lungi dall’essere soltanto una sequenza di riff arzigogolati e blast beat spasmodici. Si punta chiaramente all’accumulo (basti sentire i sei minuti della terrificante opener “An Obsidian Perception”), ma il tutto si mantiene entro le soglie del raziocinio e del senso armonico, facendo leva sulla vivacità e sulle continue contrazioni/distensioni del guitar work per regalare momenti di facile presa e genuina carica distruttiva, oltre che qualche scorcio di melodia utile snellire l’ascolto. Un viaggio nell’underground più oltranzista di tardi anni Novanta/primi anni Duemila che non disdegna puntate sui sentieri mefistofelici di Aborted e Hideous Divinity, a riprova di un approccio non solamente devoto alla gutturalità e pronto a schiudersi in digressioni atmosferiche di un certo spessore, all’interno delle quali non è poi così difficile imbattersi in elementi black metal. A fronte di un menu tanto ricco e studiato nel dettaglio, spiace solo che la produzione di Neil Kernon e Alan Douches risulti inspiegabilmente ovattata e messa poco a fuoco; di sicuro un passo indietro rispetto a quella potentissima del precedente capitolo.
In ogni caso, forma a parte, l’album regala grandi momenti: dalla suddetta opener all’epica “Occulta Violentiam” (con l’amico Sven de Caluwé a comparire in veste di ospite), passando per le più serrate e muscolari “Codebreaker”, “Maniacal Disillusion” e “Fibers”, “Enraged & Unbound” si dimostra frutto di una band esperta e competente, fra le poche oggigiorno a maneggiare queste sonorità in maniera fluida e coinvolgente. Giusto un filo sotto il ritorno dei Disentomb.

TRACKLIST

  1. An Obsidian Perception
  2. Enraged and Unbound
  3. Codebreaker
  4. Defy the Architect
  5. A Prophetic Compulsion
  6. Maniacal Disillusion
  7. Fibers
  8. Occulta Violentiam
  9. Protoplasmic Imprisonment
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.