UNREQVITED – Empathica

Pubblicato il 16/06/2020 da
voto
8.0
  • Band: UNREQVITED
  • Durata: 00:48:03
  • Disponibile dal: 22/05/2020
  • Etichetta: Northern Silence Prod.
  • Distributore:

Spotify:

Apple Music:

Unreqvited, anno 2020, quinto full-length album in quattro anni, il secondo a distanza di pochissimi mesi. Ormai ci siamo stancati di ripetere e riscrivere la solita solfa introduttiva nei riguardi di questo incredibile artista, stakanovista della composizione e vero ‘drogato’ di musica, in qualsiasi suo aspetto quotidiano. Facciamo onestamente fatica a stare dietro alla quantità di materiale che Willow Vale pubblica praticamente senza interruzione di sorta, risultando laborioso quanto una formica operaia di basso livello ma qualitativamente alto ed espressivo come un poeta maledetto e diabolico. Ma tant’è, armiamoci di curiosità – quella mai manca! – e addentriamoci nel nuovo capitolo discografico della one-man-band canadese.
“Empathica” rinnova ancora un’altra volta l’armamentario compositivo del Nostro, smentendo in parte le nostre precedenti elucubrazioni, pensate appena dopo l’uscita dell’ultimo “Mosaic II: La Déteste E La Détresse”, che immaginavano un prossimo disco lontano dal metal estremo e bagnato da ondate ambient, dungeon synth o comunque poco guitar-oriented. Ecco, in parte ci abbiamo azzeccato ma in parte anche no: il nuovo lavoro degli Unreqvited rientra sotto l’egida peculiare di un genere a sè stante, molto vicino a quello che fu “Stars Wept To The Sea” – a nostro avviso, finora, l’apice della loro carriera – ma elevato a potenza in termini di sentori cinematografici, potenza visionaria, landscape glaciali e atmosfere orrorifiche. Una sorta di depressive suicidal black metal orchestrale ed ultra-epico, che affonda le sue origini nel black sinfonico dei primordi, nel progressive italiano à la Goblin (l’uso di alcuni spunti di tastiera è decisamente chiaro, anche se non sappiamo quanto la band nostrana possa essere un’influenza diretta di Willow Vale), nel death-doom nostalgico dei Nineties, ed inevitabilmente nel blackgaze più moderno e disperato. Un lavoro, al solito, da vivere ed ascoltare nel mood giusto, molto coinvolgente e ‘di pancia’ se apprezzate questo tipo di sensazioni – la freddezza, l’introspezione, la malinconia, l’impatto vagamente mistico e tenebroso, il propagarsi potente della Natura in musica, tutti aspetti ben visualizzati nella splendida cover del disco – ma anche abbondantemente appagante quando ben assimilato in ogni sua piccola sfumatura, che sia essa un arpeggio crepuscolare di chitarra, un vocalizzo pulito estatico ed ipnotizzante, un giro di synth lacrimevole, un’esplosione in tremolo picking guidata da un tappeto glorioso di keyboards, un hook melodico che sa di tramonto gelido dietro queste novelle Montagne della Follia, una cascata di note sparata a mille come fosse un assalto di spettri affamati, un’orchestrazione stratificata in modo esemplare, un grido lancinante di Willow Vale, sempre lontano ed onirico nel mix, eppur sì enorme nell’impatto. Ascoltatevi bene “Empathica III: Innocence” e “Crystal Cascade” e capirete tutto molto bene ed in fretta!
“Empathica” immaginiamo sia un altro concept-album e davvero, in quanto a gradimento, lo riteniamo appena appena inferiore a “Stars Wept To The Sea”; ma per noi il voto deve essere lo stesso, in quanto la crescita compositiva ed emozionale degli Unreqvited rimbalza da un feeling all’altro senza mai perdere quella capacità innata, insita nel DNA dei grandi artisti, di mantenere la propria creazione sempre interessante, sempre all’altezza, sempre degna di ascolto. Buon viaggio, dunque, nel nuovo mondo di sogno plasmato da questo songwriter incredibile.

 

TRACKLIST

  1. Empathica I: Heart Of The Spectral Mountains
  2. Empathica II: Everwinter
  3. Empathica III: Innocence
  4. Crystal Cascade
  5. Snowspirits Of The Arcane
  6. The Permafrost
  7. Dreamer's Hideaway
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.