VADER – The Empire

Pubblicato il 31/10/2016 da
voto
6.5
  • Band: VADER
  • Durata: 00:33:02
  • Disponibile dal: 04/11/2016
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Impossibile chiedere qualcosa di nuovo ad un gruppo come i Vader. Da sempre sinonimo di genuinità e passione, nel corso della loro pluri-trentennale carriera i Nostri non hanno mai voluto mescolare troppo le carte in tavola, rimanendo fedeli allo stile codificato ai tempi dei leggendari “The Ultimate Incantation” e “De Profundis”. Semmai, di volta in volta si è potuta riscontrare l’accentuazione di un determinato carattere sonoro, fondamentale per differenziare quel tanto che basta le varie uscite e rendere un po’ meno prevedibili le mosse dell’incorruttibile Peter Wiwczarek: melodia in “The Beast”, groove in “Impressions in Blood”, atmosfera nel recente “Tibi et Igni”… fino a giungere a questo “The Empire” e al suo spiccato afflato death/thrash, in cui linearità e strutture asciutte salgono in cattedra. Come facilmente intuibile dai titoli e dalla copertina, parliamo di un disco dall’indole schietta e brutale, prodotto ottimamente e con almeno tre/quattro episodi che siamo certi infiammeranno l’animo dei fan nel pit, ma che, vuoi per un motivo, vuoi per un altro, non riesce a convincere tanto quanto i suoi diretti predecessori (il notevole “Welcome to the Morbid Reich” e il suddetto “Tibi…”). Se il finale di tracklist centra infatti l’obiettivo con le sue strutture velenose ed incalzanti, sorrette da un guitar work ispirato e da una sezione ritmica in assetto carro armato (“Genocidius”, “The Army-Geddon”, “Parabellum”), lo stesso non si può dire di alcuni brani concentrati nella prima parte, con sfuriate in salsa slayeriana piuttosto insapori e riff riciclati senza remora dal passato, come se in sede di songwriting Wiwczarek avesse deciso di risparmiare del tempo. Con ciò, lungi da noi sminuire l’etica lavorativa del quartetto polacco, che nella sua serratissima routine ‘album-tour-album’ è un esempio di caparbietà pressoché invidiabile; semplicemente, dopo undici full-length e una vita intera dedicata al metallo della morte più tradizionale, riteniamo che un calo di questo tipo sia naturale e fisiologico. I veri scivoloni sono altri.

TRACKLIST

  1. Angels of Steel
  2. Tempest
  3. Prayer to the God of War
  4. Iron Reign
  5. No Gravity
  6. Genocidius
  7. The Army-Geddon
  8. Feel My Pain
  9. Parabellum
  10. Send Me Back to Hell
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.