VAHRZAW – In The Shallows Of A Starlit Lake

Pubblicato il 23/01/2023 da
voto
7.0
  • Band: VAHRZAW
  • Durata: 00:40:06
  • Disponibile dal: 27/01/2023
  • Etichetta:
  • Bitter Loss Records

Spotify:

Apple Music:

È passato solamente poco più di un anno da quando restammo incuriositi ascoltando “The Trembling Voices of Conquered Men”, allora ultima fatica dei Vahrzaw, opera dalle atmosfere stranianti, frutto di un death-black metal spigoloso e a tratti visionario, con chitarre marziali e sincopate a sorreggere sfuggenti armonie e qualche lieve dissonanza tipica del mondo extreme metal contemporaneo. In questo breve lasso di tempo è tuttavia cambiato tutto per il gruppo australiano: il passaggio dalla Transcending Obscurity Records alla connazionale Bitter Loss Records segna una netta mutazione stilistica per il trio, il quale si presenta con un disco che è a tutti gli effetti un omaggio al black metal scandinavo dei primi anni Novanta. Massicci ascolti di primi Darkthrone, Gorgoroth, Satyricon e Carpathian Forest sono stati metabolizzati con efficacia dalla band, che in questo sguardo al passato ha evidentemente cercato di puntare alla creazione di episodi che potessero ricollegarsi in tutto e per tutto alle origini di quel particolare filone, dando vita a una gelida epicità nella quale trovano sintesi influenze ben specifiche.
A quanto pare, i Vahrzaw erano ansiosi di nuove avventure, lontane dal tecnicismo e dal continuo dialogo tra death e black metal espresso sul precedente lavoro: “In The Shallows Of A Starlit Lake” si tiene a debita distanza da qualsiasi velleità sperimentale per dirigersi nella Norvegia di trent’anni fa, offrendo sonorità e una produzione che si rifanno senza alcun timore ai cosiddetti tempi d’oro del ‘true Norwegian black metal’.
A questo punto, potremmo rimproverare alla band di non avere minimamente provato a rielaborare la proposta con un tocco personale, cercando di dare a questo black metal classicissimo un nuovo volto, nuovi colori, una veste diversa; tuttavia, ascoltando bene l’album, non si può dire che gli australiani abbiano fatto un cattivo lavoro in questa inaspettata operazione-tributo. Il songwriting si rivela infatti assai competente, con brani sfaccettati, ricchi di cambi di registro, nei quali i musicisti dimostrano una indubbia verve interpretativa. Certo, niente di tutto ciò potrà mai arrivare sullo stesso piano di uno “The Shadowthrone” o di un “Through Chasm, Caves and Titan Woods” per impatto e personalità, ma questo attingere a modelli pregressi da parte dei Vahrzaw non si annacqua mai del tutto in un didascalico citazionismo, palesando anzi una vaga freschezza e imprevedibilità nella gestione dei vari elementi.
Insomma, sospinto da tracce come la title-track o “Pale Lechery”, “In The Shallows Of A Starlit Lake” è un disco che alla fine si lascia ascoltare volentieri, se si hanno a cuore le origini dello storico movimento norvegese. Ci si aspettava tutt’altra musica dal gruppo australiano, ma resta il fatto che quanto offerto in questa sede non sia affatto di cattiva fattura.

TRACKLIST

  1. The Amber Glow of the Gaslight
  2. In the Shallows of a Starlit Lake
  3. Phosphorescent Sunrise
  4. Pale Lechery
  5. At the Mercy of the Shrike
  6. Six Verses
  7. To Breathe in Leviathan
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.