VALGRIND – Condemnation

Pubblicato il 21/07/2020 da
voto
8.0
  • Band: VALGRIND
  • Durata: 00:39:25
  • Disponibile dal: 27/07/2020
  • Etichetta: Memento Mori
  • Distributore:

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Dopo un avvio di carriera incerto e tutt’altro che lineare, tra demo/EP ignorati dalla platea underground e un debut album licenziato a ben sedici anni di distanza dalla nascita della band (“Morning Will Come No More” del 2012), i Valgrind hanno letteralmente spiccato il volo, configurandosi come una delle realtà più solide e costanti del circuito death metal italiano. Musicisti cresciuti con il mito della Florida, di Trey Azagthoth e di tutti quei gruppi che ormai tre decadi fa diedero una connotazione ingegnosa e sfaccettata all’assalto frontale del genere (Monstrosity e Nocturnus in primis), ma che non per questo hanno deciso di replicarne ad oltranza le gesta o di non testare le proprie capacità interpretative.
Così, dopo l’ottimo “Speech of the Flame” e la parentesi tecnica e spigolosa di “Blackest Horizon”, senza ovviamente trascurare l’uscita-lampo di “Seal of Phobos”, Daniele Lupidi e compagni si riaffacciano sul mercato con un disco che sembra spesso volersi librare in una dimensione mitica ed eroica, direttamente collegata alle antiche leggende del Mediterraneo, il cui contenuto riabbraccia le atmosfere del suddetto “Speech…” alla luce di un’ulteriore sicurezza e messa a fuoco compositiva. Nove brani più intro che, racchiusi dalla produzione organica di Damian Herring (Blood Incantation, Horrendous, VoidCeremony), si muovono sinuosi all’interno di uno scenario che non si limita a mostrarci le asperità e gli avvallamenti del suono death metal, bensì a sconfinare in cieli limpidi e in distese d’acqua cristalline dal sapore inequivocabilmente classic heavy, con rimandi ampollosi alla scena greca di Rotting Christ e Varathron a rendere ancora più passionale il tutto.
Brutalità e melodia viaggiano quindi di pari passo, esaltandosi puntualmente a vicenda in un mix tanto elegante e ricco di dettagli (come nel caso delle pennellate tastieristiche di “The Curse of Pegasus Spawn”) quanto furente e scattante, memore di ciò che il metallo della morte dovrebbe sempre e comunque rappresentare. Un approccio fresco e insieme tradizionale, frutto di tre ragazzi non più giovanissimi che, mossi da un’ambizione costante e da una spontaneità più che tangibile, non smettono di migliorarsi e di confezionare opere dallo spiccato mood narrativo. “Condemnation”, complici brani del calibro di “Entangled in a World Below”, “The Day” e “Storm Birds Descent”, è soltanto l’ultimo picco di un percorso artistico in continuo divenire.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. The Curse of Pegasus Spawn
  3. Entangled in a World Below
  4. Condemnation
  5. Eater of Hearts
  6. The Day
  7. Furies
  8. Storm Birds Descent
  9. Divination - Marked by the Unknown
  10. Goddess of the Salt Sea
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.